Violenta aggressione nel maneggio: 55enne gravissimo. Caccia al responsabile

E' accaduto la sera del 31 dicembre a Cori, in un centro ippico. La vittima è Armando Martufi, ricoverato in gravi condizioni per un trauma cranico all'ospedale Goretti. Indagini dei carabinieri del Reparto territoriale di Aprilia

Un'aggressione ancora misteriosa quella avvenuta il 31 dicembre. La vittima è Armando Martufi, 55enne del luogo, colpito con violenza alla testa e ora ricoverato in gravissime condizioni all'opedale Goretti di Latina per un trauma cranico. L'uomo è stato sottoposto a un intervento chirurgico ma la prognosi resta ancora riservata. 

Il 55enne è stato ritrovato nel suo maneggio in zona Fontana del Prato. Escluso subito l'incidente sul lavoro, che era stato ipotizzato in un primo momento, i carabinieri del Reparto territoriale di Aprilia hanno avviato indagini serrate per rintracciare il responsabile. Sconosciuto il movente dell'aggressione. Chi ha colpito Martufi ha utilizzato probabilmente un bastone o con un altro oggetto contundente e poi è fuggito. Dal pomeriggio del 31 dicembre e per tutta la giornata del primo gennaio sono andate avanti le indagini dei carabinieri per cercare prove ed elementi utili a rintracciare il responsabile. Le attività sono concentrate sulle frequentazioni della vittima e sui suoi affari. Secondo le prime informazioni ci sarebbero già dei sospetti. 

Gli aggiornamenti: fermato un uomo dai carabinieri 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento