rotate-mobile
Cronaca

La vittima lo riconosce per strada, arrestato il presunto autore della violenza ai giardinetti

Polizia e carabinieri circondano una traversa di via Epitaffio e lo bloccano. La ragazza era in compagnia del suo fidanzato quando ha incontrato il 35enne di nazionalità rumena

Al termine di delicate indagini, nella serata di ieri è stato preso il presunto autore della brutale violenza sessuale commessa nel mese di agosto ai danni di una cittadina rumena all’interno dei giardini comunali di Latina.

Si tratta di Constantin Talpis, rumeno di 35 anni, con precedenti penali. L'arresto è stato compiuto dalla questura, in collaborazione con il comando provinciale carabinieri.

Verso le 20,30 di ieri la vittima, in compagnia del proprio fidanzato, ha visto e riconosciuto il suo aggressore a bordo di un mezzo pubblico diretto verso la stazione ferroviaria di Latina Scalo ed ha allertato la polizia fornendo una precisa descrizione dell’uomo e la direzione dell’autobus su cui viaggiava.

Immediatamente è stata allertata la Centrale Operativa Telecomunicazioni della Questura che ha provveduto ad inviare altre volanti per la ricerca del presunto violentatore, chiedendo inoltre anche la collaborazione delle gazzelle del Nucleo Operativo Radiomobile Carabinieri.

È quindi iniziata la caccia all’uomo, che si è conclusa in via Epitaffio, dove il 35enne, dopo essere sceso dall’autobus, aveva imboccato una stradina sterrata scarsamente illuminata proprio al fine di eludere le ricerche.

I poliziotti e i carabinieri, operando in piena sinergia, hanno circondato l’area, per evitare che lo straniero riuscisse a far perdere le tracce, arrivando a bloccarlo. A carico dello stesso ci sono diversi elementi, tra cui il riconoscimento da parte della vittima, che hanno permesso il fermo di polizia giudiziaria per violenza sessuale e rapina aggravata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vittima lo riconosce per strada, arrestato il presunto autore della violenza ai giardinetti

LatinaToday è in caricamento