Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca

Carcere di Latina: detenuto ferisce un agente, un altro incendia la sua stanza

I casi segnalati dall’Uspp Lazio: “La gestione dei detenuti psichiatrici non compete alla polizia penitenziaria”

Due episodi critici si sono verificati nelle ultime 24 ore all’interno del carcere di Latina e sono stati resi noti da Daniele Nicastrini, segretario regionale Uspp Lazio. Un caso riguarda un agente che è stato “ferito da un detenuto psichiatrico”, mentre un altro “detenuto, sembrerebbe con problemi comportamentali, ha dato fuoco all’interno della propria stanza di detenzione, provocando fumo irrespirabile”.

Due episodi che per il sindacalista evidenziano “il grave problema della gestione dei detenuti psichiatrici e altri con problemi di carattere comportamentali. Fortunatamente fa sapere la segreteria regionale l’agente dopo aver passato in osservazione ospedaliera è stato dimesso nella mattinata con una prognosi di 7 giorni”; l’altro detenuto che ha provocato l’incendio, invece, sembrerebbe essere “già recidivo a comportamenti di disturbo alla popolazione detenuta e all’ordine e sicurezza”.

“Siamo in attesa da luglio in attesa di un confronto sindacale per rivedere l’organizzazione del lavoro, nel frattempo abbiamo appreso che il Provveditore regionale avrebbe ordinato alla Direzione di attivare le procedure per ridefinire l’istituto con sezioni a trattamento intensificato in applicazione della circolare del luglio 2022 sul circuito media sicurezza per il rilancio del regime penitenziario e del trattamento”. Il trattamento intensificato prevede “l’assegnazione di detenuti idonei ammessi alle attività che implicano la loro maggiore autonomia con l’apertura degli stessi non meno di 10 ore. Oramai i vertici dell’amministrazione penitenziaria – prosegue Nicastrini - pensano che gestire i detenuti sia una passeggiata di salute, dove gli stessi possano dimostrarsi disponibili a un’autogestione all’americana e dove gli agenti dovrebbero osservarli da lontano. Carceri che dimostrano in ogni luogo che sono fuori controllo per questo permissivismo mentre dovrebbero restringere i movimenti e comportamenti che, come è proprio accaduto ieri a Latina, non possono essere trattati con queste modalità”.

Il carcere di via Aspromonte con 77 posti disponibili vede oggi ristretti circa 130 detenuti di cui un reparto AS per detenute, che rispetto alle previste 130 unità di polizia penitenziaria, si vede quasi dimezzato l’organico presente “anche per i tanti assenti per traumi subiti in servizio dove le aggressioni e lo stress sono costanti tra lo stesso personale.

Purtroppo troviamo difficoltà a confrontarci con l’amministrazione penitenziaria in sede del Provveditorato di Roma, in quanto al di la dell’approccio di giugno scorso non siamo stati più convocati per affrontare i gravissimi analoghi problemi del territorio laziale, sembra quasi come si voglia evitarlo e non prendere in considerazione le nostre doglianze, nel frattempo - conclude il segretario regionale - Uspp mantiene lo stato di agitazione da circa due mesi, proprio per evidenziare ogni giorno attraverso i media i problemi presenti anche a Latina”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere di Latina: detenuto ferisce un agente, un altro incendia la sua stanza
LatinaToday è in caricamento