Formia, fondi per le case popolari di Penitro: Comune ringrazia la Regione

Il finanziamento, per oltre 413mila euro, per il recupero, la manutenzione e la messa in sicurezza delle case popolari di Penitro. Sindaco Bartolomeo: "Ringrazio la Regione Lazio per la sensibilità e vicinanza dimostrate"

Più di 413mila euro dalla Regione per il Comune di Formia per il recupero, manutenzione e messa in sicurezza delle case popolari di Penitro.

Il finanziamento della Regione rientra nell’ambito di un programma della Regione per nuovi alloggi, recupero del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, manutenzioni straordinarie con la Giunta che ha deliberato una somma complessiva di oltre 1milione e 600mila euro in favore delle Ater di Rieti, Latina e Viterbo.

Per quanto riguarda la frazione di Pentiro a Formia, ricordano dall’amministrazione, “il lotto fu inaugurato nel giugno 2009 ma gli alloggi presentano già da tempo problemi strutturali e igienico-sanitari (muffa sulle pareti, marciapiedi senza massetto, degrado complessivo) che richiedono interventi manutentivi di una certa consistenza”.

“Il cospicuo finanziamento – commenta il sindaco Sandro Bartolomeo che ha tenuto per sé la delega all’Urbanistica – servirà a rendere pienamente vivibile il lotto di edilizia popolare gestito dall'Ater. Si tratta di un impegno assunto con la comunità di Penitro.  Ringrazio la Regione Lazio per la sensibilità e vicinanza dimostrate”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

Torna su
LatinaToday è in caricamento