Cisterna, a 36 anni Diego Fieni lascia la carriera da violinista per diventare sacerdote

Sabato 26 ottobre l’ordinazione nella chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo. Il giorno successivo don Diego presiederà la sua prima messa

A 36 anni lascia la carriera da violinista per diventare missionario e sacerdote: è la storia di don Diego Fieni, 36 anni originario di Cisterna. Qui sabato 26 ottobre, alle 18, nella chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo, il vescovo Mariano Crociata presiederà il rito dell’ordinazione presbiterale, concelebrando con i sacerdoti pontini e quelli della Comunità Missionaria di Villaregia. 

Sella stessa chiesa parrocchiale, domenica 27 ottobre alle 11.30 don Diego presiederà la sua prima messa.

Diego Fieni ha vissuto a Cisterna fino al 2010 quando è entrato nella Comunità Missionaria di Villaregia, compiendo gli studi filosofici a Pordenone e quelli teologici a Verona. Quella di Diego Fieni è una vocazione adulta, arrivata quando era già inserito nel mondo del lavoro. Infatti, dopo le scuole superiori e gli studi presso il Conservatorio musicale di Latina, conseguendo il diploma di Violino, è stato professore d'orchestra in varie realtà, viaggiando molto anche all'estero, fino a quando ha deciso di rispondere alla vocazione sacerdotale e missionaria al termine di un periodo di discernimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla vigilia di questo importante passo don Diego condivide: “Il cammino fatto in questi anni nella Comunità Missionaria di Villaregia mi ha condotto a esprimere a Dio un sì sempre più libero e consapevole. Dire sì a Dio significa per me dire sì ai fratelli e alle sorelle che Egli mi pone accanto ogni giorno, al Carisma che mi chiede di vivere e custodire, a quei poveri che sono destinatari privilegiati della Buona Notizia del regno. Desidero davvero essere un sacerdote ‘prossimo ai poveri’; il mio partire non lo vedo in contrasto con il rimanere in comunione con la Chiesa locale nella quale sono cresciuto e che sento mi invia verso i confini della terra. Sento di essere un piccolo pezzetto della diocesi di Latina inviato verso quei luoghi in cui la buona notizia del Vangelo aspetta ancora di fiorire nella bellezza di nuove sue espressioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento