Sala scommesse senza licenza, titolare denunciato. Chiesto il sequestro

Controlli straordinari della polizia contro i giochi illegali. La polizia ha scoperto che un centro di Gaeta operava in totale assenza delle necessarie autorizzazioni

Controlli straordinari della polizia contro i giochi illegali, per prevenire il fenomeno delle ludopatie e le infiltrazioni criminali. Le verifiche hanno riguardato la città di Gaeta, dove il personale della polizia amministrativa in sinergia la Squadra Volante del commissariato di Gaeta, ha scoperto che un centro di raccolta di scommesse su eventi sportivi nazionali e internazionali, operava in totale assenza delle necessarie autorizzazioni di competenza della Questura di Latina.

Durante il controllo è emerso che il titolare era sprovvisto della licenza, riscuotendo e provvedendo al pagamento delle vincite delle scommesse on-line effettuate con “corner” esteri, non autorizzati dallo Stato italiano ed eludendo il pagamento degli oneri di concessione e dei tributi erariali dovuti per l’attività svolta. Accertata quindi anche l’evasione fiscale.

Il titolare dell’attività, M.A. di 45 anni, già gravato da precedenti per analoghe violazioni, è stato nuovamente deferito alla Procura della Repubblica di Cassino per aver violato le normative di riferimento. Sono stati richiesti anche i conseguenti provvedimenti amministrativi e di sequestro dei supporti informatici, utilizzati per l’esercizio delle attività. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento