Cori e Artena: suggellato il "gemellaggio della bandiera"

I presidenti degli Sbandieratori dei Rioni di Cori e degli Sbandieratori e Musici Alfieri del Cardinal Borghese di Artena hanno firmato il Patto di Gemellaggio sabato pomeriggio all'apertura del Palio delle Contrade

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Nell'anno del 50° anniversario della loro fondazione, gli Sbandieratori dei Rioni di Cori (LT) si sono gemellati con gli Sbandieratori e Musici Alfieri del Cardinal Borghese di Artena (RM). La cerimonia ufficiale si è svolta sabato 6 Agosto ad Artena, nel parco di Villa Borghese, a margine del Giuramento dei Capitani, atto iniziale del Palio delle Contrade, giunto alla sua 25^ edizione.

Il Patto di Gemellaggio è stato firmato dai Presidenti delle due associazioni, Angelo Pianelli e Vito Notarfonso. Erano presenti, tra gli altri, il Sindaco di Artena Felicetto Angelini e per il Comune di Cori l'Assessore Luca Zampi.

Il gemellaggio suggella un consolidato rapporto di stima, amicizia e collaborazione che lega da tempo i due gruppi di sbandieratori, da sempre impegnati nella promozione in Italia e nel mondo dell'antica arte del maneggiar l'insegna, costantemente innovata nel rigoroso rispetto della tradizione. Oltre ad essere stati protagonisti di eventi e scambi culturali comuni, le due compagini di Alfieri sono le uniche rappresentanze del Lazio associate alla F.I.SB. Federazione Italiana Sbandieratori - Antichi Giuochi e Sports della Bandiera, di cui i Rioni di Cori furono tra i cofondatori nel 1966.

L'ufficializzazione del gemellaggio è stata preceduta nel mese di Marzo dalle due giornate di accoglienza ad Artena e poi a Cori, che sono servite per approfondire la conoscenza tra le due scuole di bandiera, differenti tra loro. Guidati dai Direttori Artistici, Andrea Pistilli e Matteo Riccelli, in quell'occasione i ragazzi hanno appreso e sperimentato le reciproche peculiarità. Tipicità, storiche e tecniche, che in buona sostanza scaturiscono dal materiale dell'asta, che determina il maneggio della bandiera. In legno quella corese, con drappo dipinto e cucito a mano, unica in Italia; in fibra di carbonio, piombata e con drappo stampato l'altra.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento