menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, la lettera di Coletta ai cittadini. Dopo i parchi si chiude anche il cimitero

Una lettera alla città: "Dolorose restrizioni alle quali non possiamo sottrarci"

Una lettera indirizzata a tutti i cittadini di Latina e un appello a fare squadra e ad agire con senso di responsabilità. A scriverla è il sindaco Damiano Coletta, che ancora una volta si rivolge direttamente alla popolazione per spiegare gli ultimi provvedimenti adottati per prevenire e scongiurare nuovi contagi: la chiusura dei parchi pubblici e dei giardini comunali e presto anche quella del cimitero. Un sacrificio a cui sono chiamati tutti per evitare assembramenti in una situazione che, come annunciato anche dalla Asl, rischia di subire un nuovo incremento. 

Pubblichiamo integralmente il testo della lettera.

Care concittadine e cari concittadini,

stiamo vivendo un momento in cui mai come ora dobbiamo essere squadra e aiutarci con grande senso di responsabilità. Vi chiedo un ulteriore sacrificio a partire da oggi, perché in questo momento dobbiamo essere ancora più rigorosi e responsabili. Ieri sera ho firmato l’ordinanza di chiusura di tutti i parchi, giardini pubblici e aree verdi con o senza recinzione di proprietà comunale, disponendo il divieto di ingresso e di stazionamento all’interno degli stessi fino al 3 aprile incluso.

Sono stato costretto a fare questa scelta dopo aver ricevuto numerose segnalazioni di situazioni di promiscuità che purtroppo possono sfuggire al controllo. La nostra vita è cambiata da quando è iniziata questa durissima battaglia contro il virus e secondo le previsioni delle autorità sanitarie c’è il rischio che tra qualche giorno i casi di contagio possano aumentare.

Non possiamo negare che questa sia anche una battaglia psicologica. Vorremmo tutti una città da vivere con spensieratezza. Vedere dei bambini che giocano in un parco è bellissimo, è un’immagine che qualsiasi sindaco vorrebbe ammirare girando per la città. Torneremo a farlo e per far sì che quel giorno sia il più vicino possibile, è necessario un altro piccolo sacrificio. Anche il più innocente dei gesti, infatti, oggi può trasformarsi in un potenziale pericolo.

La scelta di chiudere i parchi, come ben sapete, è stata fatta anche in altre città, è una dolorosa restrizione alla quale non possiamo sottrarci. Sto predisponendo anche la chiusura del cimitero e invito tutti ad attenersi scrupolosamente alle prescrizioni. Evitiamo anche di andare al mare e di usare la pista ciclabile. Semplicemente per non creare affollamenti. Per i bisogni del nostro cane e l’attività motoria all’aperto rimaniamo nei pressi delle nostre abitazioni. Ricordiamoci di trovare il tempo per una telefonata ai nostri anziani. In questo difficile momento il Comune sta facendo la sua parte, è il nostro dovere. Dico a tutti: se nei vostri rari e necessari spostamenti vedete delle situazioni di potenziale pericolo, in qualsiasi luogo della nostra città, non esitate a segnalarlo alle autorità. Stiamo controllando la città con la nostra Polizia Locale e lo stanno facendo ovviamente anche tutte le Forze dell’ordine. Colgo l’occasione per ringraziare tutti gli operatori, stanno svolgendo il loro lavoro con grande spirito di sacrificio.

È importante avere la consapevolezza della gravità della situazione ma senza panico. Ognuno di noi può garantire la sicurezza propria e degli altri seguendo le norme, ben sapendo che le istituzioni si stanno prendendo cura della collettività. Consapevolezza e sicurezza devono darci la fiducia. La fiducia che ce la faremo, usando testa e cuore, tutti insieme ma distanti!

Grazie Latina".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento