Carenza idrica: entro il 15 settembre un nuovo pozzo ai 25 Ponti

E' l'annuncio del sindaco di Formia Sandro Bartolomeo. L'attivazione della nuova sorgente consentirà di fronteggiare l'emergenza idrica che negli ultimi mesi ha piegato la cittadinanza. Al via ora le prove di spurgo e di portata

Un nuovo pozzo ai 25 Ponti sarà attivato entro il 15 settembre. E’ l’ipotesi su cui Acqualatina e il Comune di Formia lavorano per fronteggiare l’emergenza idrica che dall’inizio dell’estate funesta il territorio. Nei molteplici incontri avuti col Gestore il sindaco era stato chiaro: “Bisogna far presto, gli oltre 100 litri al secondo garantiti dalla nuova sorgente, sommati al calo dei consumi legati alla fine dell’estate, potrebbero risultare decisivi per superare la crisi”. La risposta ora è arrivata. Questa mattina Acqualatina ha informato il primo cittadino che, a partire da domani, saranno avviate le prove di spurgo (tempo previsto 3-4 giorni) e quelle di portata (circa 24 ore). Successivamente partirà l’installazione dei tubi che garantiranno il collegamento della sorgente alla condotta.

“Siamo in costante contatto con Acqualatina – rende noto il sindaco Bartolomeo - I tempi stimati per il completamento dell’opera sono di circa quindici giorni. I tubi arriveranno ai primi del mese. L’obiettivo è di chiudere l’operazione entro il termine del 15 settembre”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima d’essere collegata alla rete idrica, l’acqua del pozzo dovrà essere spurgata. I residui di terriccio trascinati dal flusso potrebbero generare episodi di intorbidamento delle acque marine in prossimità del fosso di scolo. “Acqualatina – spiega il primo cittadino – ci ha garantito che si tratta esclusivamente di residui terrosi, in alcun modo dannosi per l’ambiente marino e la salute dei bagnanti. Sarà comunque in funzione un autospurgo che consentirà di bloccare eventuali corpi solidi trascinati dal fossato. Cittadini ed operatori balneari stiano comunque tranquilli: l’acqua del mare resterà perfettamente balneabile. L’ingente afflusso di acqua dolce, di temperatura diversa rispetto a quella del mare, potrebbe inoltre generare circoscritti fenomeni di schiuma. Tutto questo durerà pochissimi giorni e servirà a garantire un intervento fondamentale per l’approvvigionamento idrico della città. Abbiamo inoltre parlato con Acqualatina – conclude il sindaco di Formia – per incrementare la pressione dell’acqua nella zona alta di Formia dove i disagi per la persistente carenza dell’acqua sono sempre più forti”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento