Cronaca

Ebola, il Goretti di Latina tra i centri di riferimento del Lazio

E’ stato sottoposto ieri alla commissione Politiche sociali e Salute del Consiglio regionale del Lazio il protocollo regionale per la gestione di eventuali casi sospetti, probabili o confermati di malattia da virus Ebola

C’è anche l’ospedale Goretti di Latina tra i centri di riferimento individuati nell’ambito del protocollo regionale per la gestione di eventuali casi sospetti, probabili o confermati di malattia da virus Ebola.

Protocollo che nella giornata di ieri è stato sottoposto alla commissione Politiche sociali e Salute del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), nel corso di un'audizione richiesta dal Movimento 5 Stelle.

In rappresentanza dell'Istituto nazionale per le malattie infettive "Lazzaro Spallanzani" - centro nazionale e regionale di riferimento - sono intervenuti: il commissario straordinario Valerio Fabio Alberti; il direttore scientifico Giuseppe Ippolito; il primario del reparto Infezioni sistemiche Nicola Petrosillo. Per la Direzione Salute della Giunta regionale, presente la dottoressa Amalia Vitagliano, che ha riepilogato i tratti salienti del protocollo ed ha annunciato che sarà designata, per ciascuna Asl e azienda ospedaliera, una figura unica di riferimento per la gestione dell'emergenza Ebola. "Sono partiti, inoltre, percorsi formativi e informativi ad hoc rivolti a tutto il personale sanitario regionale coinvolto", ha aggiunto.

Secondo il protocollo, spiegano dalla Regione, “i reparti di malattie infettive degli ospedali di Latina, Frosinone, Viterbo e Rieti sono identificati come centri di riferimento per le esigenze infettivologiche delle strutture sanitarie presenti nel rispettivo territorio provinciale. I reparti di malattie infettive del Policlinico universitario Umberto I, del Policlinico universitario Agostino Gemelli e dello Spallanzani costituiscono invece le strutture di riferimento per le esigenze di Roma e provincia. In presenza di un caso sospetto, le indagini specifiche per il virus Ebola sono centralizzate presso il laboratorio di virologia dello Spallanzani, con preventiva segnalazione al ministero della Salute e alla Regione Lazio”.

"Abbiamo predisposto stanze di alto isolamento, in attesa dell'attivazione di una analoga struttura a cura della Protezione civile - ha spiegato il commissario straordinario dell'Istituto, Alberti -. Il nostro personale è adeguatamente addestrato e continuamente formato e aggiornato. Raccomandiamo l'adozione di adeguate misure di protezione da parte di tutti gli operatori coinvolti nel prelievo e confezionamento di campioni da inviare al nostro laboratorio, attenendosi scrupolosamente al protocollo regionale”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ebola, il Goretti di Latina tra i centri di riferimento del Lazio

LatinaToday è in caricamento