Cronaca

Cultura “dimenticata” a Latina, Zuliani a gamba tesa sul Comune

La consigliera del Pd propone di coinvolgere i cittadini nella governance della cultura: "Una Consulta eviterebbe all'amministrazione estemporaneità e mancanza di idee"

La consigliera comunale del Pd, Nicoletta Zuliani, più volte in passato era intervenuta sull’argomento, mettendo in discussione il comportamento dell’amministrazione. “Un settore senza progetti e investimenti” aveva definito il settore cultura a Latina qualche settimana fa. E oggi, di fronte ad un’estate priva di appuntamenti e di programmi, è tornata a puntare il dito contro il Comune di Latina.

“Siamo costretti a ricorrere a un privato dell’ultimo momento proprio nell'80esimo della nascita della nostra città per garantire una stagione teatrale. Credo sia necessaria una riflessione umile da parte dei nostri amministratori: tengano conto delle risorse culturali dei figli di questa città e si facciano aiutare” ha commentato amareggiata la consigliera.

“Non saremo neanche capaci di lasciare una nostra impronta culturale come città che si avvicina al secolo di vita. Senza un assessore di riferimento – spiega la Zuliani - e con la delega rimasta nelle mani del sindaco che non riesce a dedicarvi neanche un minuto del suo tempo, si comprende il nulla che ne consegue. Eppure i cittadini di Latina, nella giovanissima associazione Rinascita Civile – dice la consigliera del Pd  sono stati capaci di animare culturalmente la città per due settimane nel mese di maggio con un programma intensissimo: musica, cinema, teatro, nuovi talenti, forum culturali, conferenze. Il palcoscenico era tutta la città con i suoi palazzi, musei e angoli più significativi. Se fosse stato fatto in agosto sostenuto dal Comune di Latina avrebbe certamente dato un impulso innovativo non solo alla città ma sarebbe stato di richiamo per tutta la provincia”.

Si tratta di un solo esempio, ribadisce la consigliera, “ma in realtà sono tante le iniziative di gruppi e associazioni che operano nei quartieri spesso con risorse proprie nella totale indifferenza dell’amministrazione. Sull'assegnazione dei fondi alle associazioni da parte del Comune di Latina servirebbe più trasparenza. Dopo un anno di discussioni la Commissione Cultura non riesce ancora a licenziare il regolamento che prevede bandi  pubblici e soldi in bilancio”.

“Compito dei politici che governano è innanzitutto conoscere le risorse culturali del proprio territorio (soprattutto umane) – suggerisce Nicoletta Zuliani - per saperle coordinare all'interno di un progetto di crescita per la città e i suoi cittadini. Occorre conoscenza e creatività”.

Quindi l’idea: “Una Consulta per la Cultura e lo Spettacolo con le realtà culturali più rappresentative sarebbe preziosa per chi amministra questa città – propone la consigliera Zuliani - : da lì arriverebbero idee, proposte, consigli, nuove prospettive. Consentirebbe la partecipazione democratica dei cittadini e una maggiore condivisione delle scelte fatte dall'amministrazione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura “dimenticata” a Latina, Zuliani a gamba tesa sul Comune

LatinaToday è in caricamento