rotate-mobile
Martedì, 5 Marzo 2024
Cronaca

Furto di un cellulare e tentata estorsione, assolto dopo quasi dieci anni

Il processo ad un 37enne accusato di avere sottratto il telefono a un ragazzino e di avergli chiesto 20 euro per restituirlo. Il pm aveva chiesto 3 anni

Era accusato di tentata estorsione, furto con strappo e ricettazione ma ieri è stato assolto da tutti e tre i reati. L'imputato, un cittadino 37enne di nazionalità romena con alcuni precedenti, secondo l'accusa il 3 gennaio 2014 avrebbe strappato dalle mani ad un ragazzino minorenne un telefono cellulare per poi ricattarlo chiedendo 20 euro oltre ad un altro telefono in cambio della restituzione del suo. All'imputato veniva inoltre contestata la ricettazione di un altro cellulare provento di furto in un'abitazione.

Ieri davanti al giudice monocratico del Tribunale di Latina Villani l'ultima udienza del processo con la richiesta da parte del pubblico ministero Massa di una condanna a 3 anni di reclusione mentre la difesa, rappresentata dagli avvocati Alessandro Farau e Marco Nardecchia, ha sostenuto che per il furto con strappo e la tentata estorsione l’inviduazione fotografica era viziata e il riconoscimento non certo; per quanto riguarda invece la ricettazione, il telefono del capo di accusa aveva un codice IMEI diverso da quello del quale era stato denunciato il furto. Così a conclusione della camera di consiglio il giudice ha assolto l’imputato con formula piena da tutti i capi di imputazione per non aver commesso il fatto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto di un cellulare e tentata estorsione, assolto dopo quasi dieci anni

LatinaToday è in caricamento