Cronaca

Picchia la compagna e la chiude in terrazzo, nega tutto ma resta agli arresti domiciliari

Interrogato il 40enne arrestato sabato da un poliziotto in borghese vicino di casa della vittima. Voleva impedirle di uscire

Ha negato di avere picchiato la compagna il 40enne di Latina arrestato sabato per sequestro di persona, atti persecutori, maltrattamenti e lesioni personali.

L’uomo, Alfredo Merlotti, avrebbe percosso la donna e poi l’avrebbe chiusa nel terrazzo dell’abitazione di lei fino a quando la vittima non ha attirato l’attenzione di un poliziotto fuori servizio che abita nello stesso palazzo che l’ha aiutata facendole scavalcare il terrazzo fino a raggiungere l’appartamento confinante. A testimoniare la violenza fisica le contusioni alla mano e all’anca certificate dai medici del pronto soccorso che hanno visitato la donna. Il 40enne è stato fermato sulle scale mentre cercava di andare via.

Questa mattina l’interrogatorio da parte del giudice per le indagini preliminari Giuseppe Cario davanti al quale l’uomo, difeso dall’avvocato Daniele La Salvia, ha raccontato di non avere picchiato la donna con la quale aveva iniziato da poco una relazione. Il giudice, a conclusione dell’interrogatorio, ha convalidato il fermo a carico del 40enne confermando la misura degli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la compagna e la chiude in terrazzo, nega tutto ma resta agli arresti domiciliari

LatinaToday è in caricamento