rotate-mobile
Cronaca Terracina

La accusa di averlo tradito mentre era in carcere e la minaccia con un coltello, arrestato

Attimi di panico in un'abitazione di Terracina: la polizia fa irruzione in casa, trova lo straniero ubriaco con un coltello in mano e la convivente pietrificata in un angolo. Il 45enne minaccia gli agenti e si scaglia contro di loro

Attimi di panico la scorsa notte in un’abitazione di Terracina dove un uomo di 45 anni ha iniziato a inveire contro la propria convivente minacciandola di morte con un coltello. Per fortuna l’intervento della polizia ha evitato il peggio.

L’allerta al 113 viene lanciata dalla stessa vittima, una donna di Terracina, che ai poliziotti spiega di trovarsi in casa con il suo convivente che la sta minacciando.

Gli agenti della volante giungono sul posto, fanno irruzione nell’appartamento e trovano B.R. 45enne marocchino, da anni residente a Terracina, che aveva ancora in pugno un coltello da cucina con il quale minacciava la propria donna pietrificata ad un angolo del salone.

Il marocchino, recentemente scarcerato, con diversi precedenti per vari reati, era in preda ai fumi dell’alcol ed accusava la propria donna di averlo tradito durante la sua detenzione.

L’intervento dei poliziotti non è bastato a farlo desistere, con l’arma ancora in pugno si è scagliato contro di loro minacciandoli di morte se non l’avessero lasciato libero di portare a termine le proprie intenzioni.

Dopo una colluttazione gli agenti lo hanno bloccato e disarmato, a fatica sono riusciti a portarlo in commissariato dove ha continuato a minacciarli. Secondo quanto ricostruito, lo straniero non è nuovo ad atti di violenza nei confronti della propria convivente, che già in passato è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari per le violenze subite dal compagno.

Per lui è scattato l’arresto e ora si trova nel carcere di via Aspromonte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La accusa di averlo tradito mentre era in carcere e la minaccia con un coltello, arrestato

LatinaToday è in caricamento