E’ morto Don Renato Di Veroli, storico parroco di Santa Maria Goretti

Si è spento ieri sera all'età di 99 anni. Dal 1956 al 2001 ha guidato la parrocchia di Santa Maria Goretti; con lui se ne va un pezzo importante della storia di Latina. I funerali domani mattina a San Marco

Don Renato Veroli premiato dal sindaco Di Giorgi

E’ morto Don Renato Di Veroli, storico parroco di santa Maria Goretti. All’età di 99 anni - li avrebbe compiuti il mese prossimo - si è spento nella serata di ieri.

A darne notizia la Diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno attraverso una nota alla stampa. “Questa notte è tornato alla Casa del Padre monsignor Renato Di Veroli, 99 anni il prossimo mese e ordinato sacerdote il 29 giugno del 1941. È stato lo storico parroco di santa Maria Goretti a Latina” si legge nella nota.

La camera ardente è stata allestita a Santa Maria Goretti. I funerali ci saranno domani mattina, mercoeldì 23 settembre, alle 10.30 nella Cattedrale San Marco; il rito delle esequie sarà presieduto dalvescovo Mariano Crociata.

Originario di Sezze dall’immediato dopoguerra ha guidato la parrocchia di Santa Maria Goretti a Latina e può essere considerato il padre spirituale della città, punto di riferimento spirituale e morale delle molte generazioni che ha accompagnato nel suo cammino. Numerose le attività, religiose e sociali, a cui ha dato vita nel corso degli anni. Con lui se ne va un pezzo importante della storia di Latina.

Il 18 dicembre scorso, in occasione dell’82esimo anniversario della città di Latina era tra le 14 persone, suoi concittadini esponenti di cultura, arte, sport e storia della città, premiate dall’allora sindaco Giovanni Di Giorgi. 

LA LETTERA DELL'EX SIDNACO DI GIORGI

CHI ERA DON RENATO DI VEROLI - Monsignor Renato Di Veroli era nato il 30 ottobre 1916 a Sezze (Latina), ha frequentato il seminario di Sezze, Veroli e infine il Seminario maggiore “Leoniano” ad Anagni dove ha completato il ciclo della formazione al presbiterato. Il 29 giugno del 1941 è stato ordinato sacerdote presso la Chiesa di San Rocco a Sezze; dallo stesso anno e fino al 1945 è stato vicario parrocchiale presso la parrocchia di San Rocco in Sezze e successivamente è stato parroco a Borgo Faiti (Latina).
Nel 1956 fu nominato parroco di Santa Maria Goretti in Latina. La chiesa costruita da poco era il secondo edificio di culto in città dopo la chiesa di San Marco. La nuova parrocchia aveva in quei tempi una competenza territoriale vastissima arrivando a lambire Borgo Piave fino a scendere verso gli attuali quartieri Nascosa e Nuova Latina. Nel 1966 è stato nominato Cappellano di Sua Santità. Fino al 2001 ha esercitato ininterrottamente l’ufficio di parroco sempre a Santa Maria Goretti passando anche per tanti altri importanti impegni ecclesiali e civili. Successivamente, anziché il riposo ha chiesto e ottenuto di restare nella sua parrocchia come “Vicario parrocchiale” continuando a fornire il suo supporto nell’attività pastorale e ministeriale (ha celebrato la Santa Messa in parrocchia fino a poco tempo fa).
Tra i maggiori incarichi e uffici ricoperti vi sono quello di Vicario generale della Diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno (dal 1991 al 30/06/2001), Vicario foraneo di Latina (nel 1968), presidente della Caritas diocesana, Difensore del vincolo presso il Tribunale ecclesiastico diocesano, membro del Collegio dei Consultori, Delegato diocesano per la Pastorale familiare e poi per i Pellegrinaggi, presidente dell’Istituto diocesano per il Sostentamento del Clero, Confessore del Collegio Bambino Gesù (Sezze), assistente ecclesiale per il Comitato italiano femminile di Latina (Cif), assistente ecclesiastico dell’Ucid (Unione cristiana imprenditori e dirigenti d’azienda).
In campo civile, da ricordare in particolare modo la sua dedizione come insegnante di religione in varie scuole, tra cui dal 1954 presso l’allora Istituto Magistrale di Latina, e la forte attenzione al mondo giovanile e delle famiglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento