Cronaca

Sanità, Simeone: "Ospedale di Formia nel baratro". La replica della Asl

Per l'azienda si tratta di criticità legate a dimissioni volontarie del personale medico. Indetti avvisi pubblici per graduatorie a scorrimento. Per il primario, concorso entro fine aprile

“L’ospedale di Formia continua a vivere sul filo del baratro. Pochi medici, turni massacranti, servizi a rischio e il reparto di Medicina d’Urgenza, fondamentale per il Dea di I livello, che a causa della carenza di personale, medico ed infermieristico, fatica a garantire il pieno funzionamento”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone. “Il reparto di Medicina d’urgenza .continua il consigliere - è parte integrante e indispensabile del Pronto soccorso in cui si procede, tra l’altro, alla stabilizzazione dei pazienti prima del trasferimento in altri reparti. Non intervenire per salvare questo reparto metterebbe a rischio l’efficienza stessa del Pronto soccorso e l’assistenza rapida, efficace ed efficiente ai pazienti. Non possiamo dimenticare, inoltre, che proprio il Pronto soccorso di Formia non ha ancora un primario, nonostante i mille annunci di  Zingaretti e del centrosinistra, figura indispensabile per assicurare un’accelerazione in termini di adeguamento ed efficienza dei servizi e di crescita delle prestazioni fornite ad un bacino di utenza di oltre 100mila unità che crescono esponenzialmente durante la stagione estiva”. 

Non si fa attendere la replica della direzione della Asl pontina: “Per il caso del Pronto soccorso di Formia -  si legge in una nota dell’azienda - che non presenta carenza di personale infermieristico, si è creata una criticità legata prevalentemente a dimissioni volontarie del personale medico. L’azienda sta già lavorando sulle principali priorità ma le risposte necessarie hanno comunque bisogno di tempi che spesso non sono immediati. Con provvedimento deliberativo del 9 marzo 2018, sono stati indetti avvisi pubblici per la formalizzazione di graduatorie da utilizzare a scorrimento per incarichi a tempo determinato per la durata di 24 mesi, a dirigenti medici di diverse discipline, tra cui Medicina e Chirurgia d'accettazione e d'urgenza. Le graduatorie formate per ciascuna specialistica in caso di necessità, saranno impiegate anche per coprire le vacanze di posti presenti in presidi ospedalieri diversi da quelli per cui sono state bandite le procedure pubblicate sul Burl del 22 Marzo 2018. Infine, in merito alla nomina del Direttore della Uoc del Pronto  soccorso del Dono Svizzero di Formia, l'Azienda è stata autorizzata a bandire il concorso che sarà deliberato entro la fine del mese di aprile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Simeone: "Ospedale di Formia nel baratro". La replica della Asl

LatinaToday è in caricamento