Cronaca

Apre il “Punto Coma, per l’assistenza ai malati in stato vegetativo

Iniziativa di Uil, “Amici di Eleonora Onlus”, Ital e Uil Fpl: suporto alle famiglie di pazienti in coma o in stato neuro-vegetativo ricoverate in strutture esterne o presenti nell'abitazione privata

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Si è svolta ieri mattina la conferenza stampa per la presentazione del progetto “Punto Coma”, presso la sede provinciale della Uil di Latina. La conferenza è stata aperta dal segretario generale della Uil di Latina, Luigi Garullo ed è stata animata dal prezioso contributo del presidente, Claudio Lunghini, dell'associazione “Amici di Eleonora Onlus”, di Maura Tabacco del patronato Ital Nazionale.

Molto importante la presenza del segretario organizzativo della Uil di Latina Antonia Fusco, la quale ha partecipato alle visite domiciliari insieme ai medici interessati nel progetto di ricognizione della situazione provinciale. Tra gli altri partecipanti il responsabile provinciale Ital Giovanni Valeretto; e il presidente del comitato Inail Roberto Caccavello.

Scopo della conferenza è stata la presentazione del progetto “Punto Coma” che è stato avviato grazie alla sinergia tra l'associazione “Amici di Eleonora Onlus”, la Uil, il patronato Ital e la Uil Fpl.

Il progetto fornirà assistenza alle famiglie di pazienti in coma o in stato neuro-vegetativo ricoverate presso strutture esterne alla famiglia o presenti presso l'abitazione privata, mediante sportelli che saranno dislocati provincialmente, contattabile con un numero telefonico dedicato.

Due le azioni messe in campo dallo sportello: assistenza burocratica e amministrativa presso enti e istituti (infomazioni riguardanti prestazioni assistenziali e previdenziali, agevolazioni fiscali, eliminazione di barriere architettoniche, ecc.); assistenza diretta alle famiglie in termini di supporto psicologico e materiale per affrontare il cambiamento dello stile di vita che un tale evento impone alla famiglia.

Un'estensione di questa azione è l'avvio di un progetto innovativo il progetto “Telecome” che sta consentendo di monitorare il malato, e fornire supporto psicologico e sanitario alla famiglia H24, grazie all'impiego di un computer collegato in rete e del collegamento telefonico. A breve una famiglia di Latina potrà usufruire di questo servizio sperimentale collegandosi con la piattaforma di Caserta. La sperimentazione, già attiva in altre province italiane, sta dando frutti importanti consentendo un notevole risparmio di risorse pubbliche (in termini di personale domiciliare e cure mediche non necessarie), ma soprattutto colmando il vuoto che il servizio domicilare nazionale non riesce a coprire.

Presso gli sportelli sarà presente personale volontario dell'Ital e dell'associazione, questa sinergia consentirà di fornire un'assistenza a 360°.
Dalla conferenza sono emerse alcune criticità che le famiglie interessate da questa situazione si trovano ad affrontare: l'assoluta mancanza di centri specializzati nel centro-sud dell'Italia, la scarsa conoscenza del fenomeno, probabilmente per una minima incidenza sulla popolazione, e di conseguenza la difficoltà a censire le possibili famiglie coinvolte.

Grazie al progetto dell'ordine dei medici, sono state censite 12 famiglie nella provincia di Latina, ma secondo le stime del Presidente Lunghini, il numero è suscettibile di aumenti. Infatti è probabile che molte famiglie abbiano deciso di rivolgersi alle strutture d'eccellenza del Nord, oppure abbiano trovato sistemazione presso case di cura private o per anziani.
Il progetto trae la sua forza dall'esperienza viva del Presidente dell'associazione “Amici di Eleonora Onlus” Claudio Lunghini, e dalla competenza che l'Ital e la Uil metteranno in campo, grazie ai propri volontari, presso gli sportelli.

Per maggiori informazioni si può contattare l'associazione “Amici di Eleonora Onlus”, al numero verde 800123973, oppure l'ITAL – UIL di Latina al numero 0773- 663910 www.uillatina.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre il “Punto Coma, per l’assistenza ai malati in stato vegetativo

LatinaToday è in caricamento