Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Terracina

Picchiano, rapinano e ricattano un indiano, 2 arresti a Terracina

Dopo averlo selvaggiamente picchiato hanno sequestrato un suo connazionale chiedendogli mille euro per liberarlo. È caccia al terzo complice

Notte di paura per un cittadino indiano ed un suo connazionale a Terracina. L’uomo, ben introdotto nel tessuto sociale della cittadina sul litorale pontino in quanto titolare di una piccola attività commerciale, è stato rapinato e picchiato selvaggiamente da tre suoi connazionali che poi hanno sequestrato a scopo di estorsione un suo amico.

La vittima, dopo essersi messa miracolosamente a mettersi in salvo si è rivolta al locale commissariato i cui agenti in breve sono riusciti ad identificare gli aggressori.

Come raccontato dal giovane cittadino indiano di 24 anni, giunto presso il commissariato con ferite di arma da taglio e in evidente stato di choc, tutto ha avuto inizio quando tre suoi connazionali lo hanno raggiunto in un residence sulla provinciale per San Felice Circeo dove è stato derubato dei suoi risparmi, circa 850 euro, e picchiato selvaggiamente dai tre aggressori che lo hanno sottoposto a delle vere e proprie sevizie, procurandogli delle ferite con un’arma da taglio sulle mani e colpendolo con un’ascia alla gamba mentre stava tentando la fuga, lasciandolo poi a terra ferito.

A quel punto i tre hanno sequestrato un altro giovane di 24 anni, suo connazionale, chiedendogli mille euro per poterlo liberare. La vittima non ha potuto far altro che rivolgersi alla polizia a cui ha raccontato tutto; con uno stratagemma gli investigatori sono riusciti ad individuare l’abitazione dove il 24enne era stato rinchiuso, nei pressi di Bogo Hermada, e vi hanno fatto irruzione.

All’interno sono stati trovati due cittadini indiani di 29 e 37 anni che tenevano fermo e muto il giovane sequestrato; i due sono stati immediatamente bloccati e tratti in arresto. Durante la perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti l’ascia usata per la violenta rapina e diversi passaporti di cittadini indiani, mentre durante quella personale è saltati fuori un consistente quantitativo di eroina della tipologia Brown Sugar detenuta dagli arrestati al fine di spaccio all’interno della stessa comunità indiana e il telefono cellulare dal quale erano avvenute le richieste estorsive.

Una volta liberato, il giovane indiano sequestrato che ha raccontato agli agenti di essere stato percosso ripetutamente è stato trasportato al pronto soccorso per le cure del caso, insieme al connazionale che aveva sporto la denuncia.

I due indiani arrestati venivano associati alla Casa circondariale di Latina ove dovranno rispondere dei numerosi e gravi reati a loro carico, mentre sono in corso gli accertamenti per individuare e catturare il terzo uomo della banda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiano, rapinano e ricattano un indiano, 2 arresti a Terracina

LatinaToday è in caricamento