I carabinieri seguono due auto sospette e trovano refurtiva e biciclette

Dopo una serie di furti messi a segno ad Aprilia, i militari si sono messi sulle tracce di due veicoli e dopo un servizio di appostamenti hanno sorpreso una banda di bulgari intenti a caricare merce, probabilmente rubata, su un furgone

I carabinieri di Aprilia, nell’ambito di un servizio mirato contro i reati predatori, hanno intercettato due auto, che erano state più volte segnalate dai residenti vicino a luoghi e quartieri della cittadina in cui erano avvenuti furti in abitazione. I militari hanno quindi avviato un servizio di pedinamento e osservazione dei due veicoli, che ha impegnato il personale della sezione operativa del Reparto territoriale di Aprilia. Le auto sospette, che viaggiavano in direzione Roma.

refurtiva 2-2-2

Proprio a Roma sono state fermate, mentre gli occupanti erano intenti a caricare alcune biciclette di valore e una serie di scatoloni contenenti climatizzatori su un altro furgone con targa bulgara. La perquisizione domiciliare ha permesso di recuperare altre tre biciclette di valore insieme ad altro materiale in corso di quantificazione che dovrà essere comparato con le denunce per furto presentate nelle ultime settimane.

Uno dei soggetti coinvolti è stato trovato in possesso di documenti di identità contraffatti e quindi arrestato. E’ invece ancora al vaglio dell’autorità giudiziaria la posizione degli altri cittadini bulgari che erano sulle due auto e sul furgone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Daniele Nardi: a un anno dalla scomparsa la moglie racconta l'impresa sul Nanga Parbat

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Pontina, colpito da un malore mentre è alla guida, muore un automobilista

  • Cosa fare a Carnevale? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento