Cronaca Formia

Rifiuti e discarica di Penitro, incontro con i cittadini a Formia

Durante l'assemblea convocata dall'amministrazione comunale per venerdì 8 novembre verrà affrontata anche la questione dei fusti tossici

La discarica di Penitro; questo l’argomento al centro dell’assemblea con i cittadini organizzata dall’amministrazione comunale di Formia per venerdì 8 novembre alle 19 presso la sala parrocchiale di Penitro.

L’incontro, fortemente voluto dall’Ente comunale anche alla luce delle ultime dichiarazioni dell’ex boss dei Casalesi Schiavone sulla presenza di rifiuti tossici anche nella provincia di Latina e nel sud pontino, sarà l’occasione per mettere alla luce documenti amministrativi e giudiziari, esami geologici, indagini epidemiologiche e formulari, la testimonianza di esperti del settore, vale a dire tutto ciò che possa permettere di fare un po’ di chiarezza sulla delicata questione.

Vogliamo favorire trasparenza e partecipazione – sottolinea l’assessore alla Sostenibilità Urbana Claudio Marciano -,  dialogare con comitati, associazioni e singoli cittadini. Venerdì relazioneremo sullo stato di avanzamento del piano di monitoraggio e adeguamento della discarica alle prescrizioni di legge. Riporteremo le analisi finora effettuate sulla salubrità dei terreni e delle acque, spiegheremo i metodi attraverso i quali tali esami sono stati espletati ed illustreremo i provvedimenti in adozione per aggiornare i sondaggi, migliorare i controlli e dare risposte competenti, corredate di studi, documenti ufficiali e dati.

Inoltre – prosegue Marciano - riporteremo l’incontro avuto ieri col consorzio durante il quale l’amministrazione ha richiesto di aggiornare entro dicembre l’analisi di terreni e acque, visto che gli ultimi sondaggi, peraltro ottimi nei risultati, risalgono al 2011. Il prossimo anno, il Comune di Formia si impegnerà ad analizzare acque e terreni con cadenza semestrale e a pubblicare ogni tre mesi un documento ufficiale in cui sarà riportato chi conferisce cosa e che tipo di controlli sono stati effettuati. La trasparenza e la condivisione costante dei dati ritengo aiuterà a consentire una discussione più matura e responsabile”.

Inevitabilmente, si discuterà anche della controversa vicenda dei fusti tossici. “Senza cedere né al catastrofismo, né al negazionismo – spiega il sindaco Sandro Bartolomeo -, informeremo i cittadini sullo stato delle nostre conoscenze e sulle iniziative che abbiamo adottato per scoprire la verità. Perché è questo che vogliamo: notizie concrete sul coinvolgimento del nostro territorio nel traffico di rifiuti tossici industriali avvenuto nel sud Italia a partire dalla metà degli anni Ottanta. Faremo le nostre osservazioni, fermo restando che, ad oggi, né la magistratura, né gli atti della commissione antimafia recentemente desecretati, hanno chiarito con precisione in che misura Formia sia stata realmente interessata dal fenomeno e, in particolare, se sia stata usata come tappa di  passaggio, come deposito temporaneo dei rifiuti o come cimitero di fusti da interrare. Saremo in prima linea per promuovere tutte le verifiche possibili. Lo faremo privilegiando trasparenza, sobrietà e competenza. Perché sulla salute non si scherza – conclude - e non si fa politica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti e discarica di Penitro, incontro con i cittadini a Formia

LatinaToday è in caricamento