Nuovo impianto di trattamento rifiuti, il Comitato Mazzocchio lancia l'allarme

Si tratta, spiega l'associazone, di una struttura di quasi 15 mila metri quadri, in cui ci sarà triturazione, spremitura, movimentazione. La protesta: "L'aria è già irrespirabile così. Cosa ci aspetta?"

Lancia l’allarme il Comitato Mazzocchio per la costruzione di un nuovo impianto di recupero di rifiuti biodegradabili che si aggiunge alla Sep. Dopo giorni di protesta proprio a causa dei miasmi provenienti dalla Sep, la Provincia di Latina ha reso noto la “conclusione positiva della conferenza dei servizi per l’autorizzazione di impianti di trattamento e recupero rifiuti non pericolosi”.

“In altre parole – spiega il Comitato - dopo il silenzio assenso di Regione Lazio, del Comune di Pontinia, della Asl di Latina e il parere favorevole del comando vigili del fuoco  e del settore ecologia e ambiente della stessa Provincia, la Provincia  ha autorizzato la creazione di un nuovo impianto che fa comunque capo alla proprietà Sep e che costruirà i suoi impianti in un’area di proprietà dello stesso gruppo, accanto a quello già esistente che quindi risulterà ampliato”.

Si tratta di un impianto di quasi 15 mila metri quadri, 9mila dei quali a cielo aperto. All’interno della struttura troveranno posto un impianto di triturazione, uno di spremitura, impianti mobili di movimentazione e impianti di aspirazione aria ambiente. Una struttura autorizzata a recuperare 125.200 tonnellate di rifiuti all’anno, ma non tutti verranno avviati  a compostaggio (trattato dalla Sep)”.

“Dove andrà a finire la perdita di processo? Quali depuratori verranno utilizzati? E’ previsto lo spandimento di materiale e nel caso di che materiale parliamo? – sono le domande dei componenti del comitato – Perché tutti tacciono? Perché nonostante le nostre denunce e l’aria irrespirabile di questi giorni invece di venire a controllare le istituzioni autorizzano un ampliamento di fatto dell’azienda che ci sta pian piano uccidendo? Noi non stiamo facendo una battaglia a un’azienda – sottolineano i cittadini - Potrebbero lavorare qui tutti i rifiuti che vogliono, il nostro unico obiettivo è che lo si faccia rispettando la legge e senza rendere l’aria irrespirabile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento