Cronaca

Rifiuti da Roma ad Aprilia, il sindaco Terra: "Totalmente contrari a questa soluzione"

Sono 40mila le tonnellate di rifiuti provenienti dalla Capitale destinate all'impianto di Rida Ambiente. Durissima la reazione del primo cittadino: "Aprilia ha superato nella differenziata il 70% e ora paga colpe non sue"

"Non è la prima volta che la Città di Aprilia, virtuosa dal punto di vista della gestione dei rifiuti, grazie ad una raccolta differenziata che ha superato il 70%, corre il serio rischio di pagare colpe non sue". Così il sindaco di Aprilia Antonio Terra commenta il fatto che nel 2018 40mila tonnellate di rifiuti prodotti da Roma saranno trattati nell'impianto di Rida Ambiente in virtù di un accordo tra l'Ama e l'azienda privata di Aprilia.

"L’amministrazione comunale - aggiunge il primo cittadino - è totalmente contraria a questa soluzione che, tra l’altro, mette in luce per l’ennesima volta l’incapacità politica ventennale di programmare e realizzare impianti per la gestione dei rifiuti nel contesto della Città Metropolitana, finendo con lo scaricare le proprie inefficienze sugli altri. Troppo facile fare queste scelte con la scusa dell’emergenza o del rischio di una procedura d’infrazione da parte dell’Unione Europea. Ma questo è il rischio che si corre quando alla guida della macchina amministrativa ci sono dei dilettanti allo sbaraglio come quelli del Movimento Cinque Stelle, fenomeni a predicare bene e altrettanto disinvolti a razzolare male".

"Se Roma Capitale facesse il suo dovere in termini di raccolta differenziata - prosegue Terra - non dovremmo oggi con rammarico constatare che nonostante gli sforzi dei nostri concittadini compiuti in questi anni e gli ottimi risultati raggiunti, la città di Aprilia rischia di pagare un importante scotto ambientale, e con essa tutti gli altri comuni che si sono mossi per tempo per la gestione dei propri rifiuti e nel rispetto della salute e dell’igiene pubblica.

"Siamo molto preoccupati - aggiunge l'assessore all'Ambiente del Comune di Aprilia Alessandra Lombardi - perché il rifiuto indifferenziato proveniente da una città dove pochissimi quartieri effettuano la raccolta porta a porta presenta certamente delle problematiche di odori maggiori rispetto a quello di città in cui è attiva la raccolta differenziata spinta, nel primo caso infatti è presente anche  la frazione organica con tutti i problemi che essa comporta".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti da Roma ad Aprilia, il sindaco Terra: "Totalmente contrari a questa soluzione"

LatinaToday è in caricamento