Attentato al Parco del Circeo, svolta nelle indagini: trovate le impronte dei responsabili

A due mesi dell'episodio arrivano i risultati degli accertamenti tecnici del Ris e del Nucleo investigativo dei carabinieri

Arrivano i primi risultati degli accertamenti tecnico-scientifici condotti dal Ris dei carabinieri di Roma e dal Nucleo investigativo dei carabinieri di Latina sull'attentato consumato il 24 giugno scorso ai danni del Parco del Circeo. Le analisi sul materiale trovato e sequestrato davanti alla sede degli uffici di Sabaudia hanno consentito di estrapolare alcune impronte dattiloscopiche utili ad isolare un profilo biologico e a risalire al Dna degli autori dell'intimidazione. 

intimidazione circeo-4

Nella notte dello scorso giugno ignoti avevano cosparso di liquido infiammabile tutto il perimetro esterno degli uffici dell'ente Parco nazionale del Circeo di via Carlo Alberto, a Sabaudia. Avevano poi cercato di appiccare il fuoco e lasciato tre taniche di gasolio e una busta, indirizzata al comandante indirizzata al comandante della stazione dei carabinieri forestali del Circeo, contenente quattro cartucce a palla calibro 12.

A distanza di due mesi dall'inquietante episodio arriva un risultato indispensabile per indirizzare le indagini dei militari e stringere il cerchio intorno agli autori. Sono dunque attualmente in corso ulteriori accertamenti.

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento