Attentato al Parco, visita del ministro Costa: "Questa è una zona difficile, ma lo Stato c'è"

Il ministro all'Ambiente ha voluto portare la solidarietà di tutto il Governo ai carabinieri forestali del Parco del Circeo, bersaglio dell'intimidazione

"Lo Stato c'è, e quando è presente non c'è spazio per la criminalità". Sono le parole del ministro dell'Ambiente Sergio Costa, che questa mattina ha voluto fare visita, a Sabaudia, alla sede del Parco nazionale del Circeo, oggetto ieri di un attentato rivolto in particolare ai carabinieri della stazione forestale e al comandante Alessandro Rossi. Il ministro Costa, accompagnato dai carabinieri della stazione, dal prefetto Maria Rosa Trio, dal comandante provinciale dei carabinieri Gabriele Vitagliano, dal questore Rosaria Amato e dal direttore del Parco Paolo Cassola, ha voluto conoscere i dettagli dell'intimidazione e ha portato la solidarietà di tutto il Governo per gli atti minatori. Nel corso della sua visita ha quindi percorso tutto il perimetro dell'edificio che ospita gli uffici dell'ente, che è stato interamente cosparso di liquido infiammabile, presumibilmente gasolio agricolo di cui ancora oggi si sentiva forte l'odore. 

<iframe src="https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FSergioCostaMinistroAmbiente%2Fvideos%2F902212296807946%2F&show_text=0&width=560" width="560" height="315" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no" frameborder="0" allowTransparency="true" allowFullScreen="true"></iframe>

I militari hanno mostrato tutti i diversi punti in cui erano state posizionate le tre taniche blu piene di liquido infiammabile e il punto di innesco da cui i malviventi hanno provato ad appiccare il fuoco: un tappetino di plastica posizionato su un lato della palazzina, ritrovato imbevuto di gasolio. Qualche metro oltre l'edificio è stato ritrovato un plico bianco chiuso, con un'etichetta scritta al computer che riportava il nome del comandante della stazione dei carabinieri forestali. Il plico è stato aperto ieri dagli artificieri e all'interno c'erano quattro proiettili. 

ministro costa circeo ok-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa non è una zona facile - ha dichiarato il ministro Costa, da ex investigatore - Me la ricordo per il mio vecchio mestiere, la conosco abbastanza bene. Ma lo Stato è al fianco agli uomini e donne che ogni giorno lavorano per tutelare l'ambiente e tutti i cittadini". Intanto per il pomeriggio di oggi, 25 giugno, il prefetto Maria Rosa Trio ha convocato una riunione straordinaria del Comitato per l'ordine e la sicurezza.

Le indagini: ipotesi di una ritorsione per i controlli antiabusivismo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Incidente sull'Appia, scontro tra auto e moto: la vittima è Sacha Carnevale

  • San Felice Circeo, stagione balneare al via ma solo per prendere il sole: vietato il bagno in mare

Torna su
LatinaToday è in caricamento