rotate-mobile
Cronaca Priverno

Sanità, non chiuderà il punto di primo intervento di Priverno

Soddisfatta l'amministrazione che insieme ai sindaci del comprensorio nei giorni aveva firmato una mozione per scongiurare la chiusura notturna nel periodo estivo del Ppi prevista dal 15 giugno

Il punto di primo intervento di Priverno non chiuderà. Soddisfatta l’amministrazione comunale che insieme ai sindaci del comprensorio nei giorni aveva firmato una mozione per scongiurare la chiusura notturna nel periodo estivo del Ppi.

“A seguito delle pressioni arrivate congiuntamente dal sindaco Angelo Delogu e da alcuni esponenti dell'amministrazione regionale, con il consigliere Enrico Forte in prima linea, pare sia scongiurata l'ipotesi di un ridimensionamento orario del servizio medico del PPI”.

È stato lo stesso Direttore Generale Caporossi, a preannunciare la probabile definizione positiva della questione.

“Dallo scorso 4 giugno i contatti con il dottor Caporossi sono stati costanti. Avevamo preannunciato – afferma il sindaco Delogu – la nostra più ferma opposizione e l'intenzione di percorrere tutte le strade possibili per evitare la rimodulazione dell'orario. Le nostre continue sollecitazioni hanno fatto sì che l'Azienda si adoperasse per trovare una soluzione alternativa e così è stato”.

Non verrà dato seguito, quindi, al progetto di ridimensionamento presentato la scorsa settimana e il prossimo 15 giugno il servizio proseguirà normalmente. Questo non vuol dire, però, che si dovrà abbassare la guardia. “La chiamata con il Direttore Generale ci rinfranca, anche se parzialmente. Credo ci sia la necessità di una discussione più approfondita, che non si limiti al contingente, ma getti le basi per una programmazione di lungo termine.

Per questo motivo – conclude il primo cittadino privernate – ritengo ancora necessaria la convocazione della Conferenza dei Sindaci, con un punto all’ordine del giorno ad hoc che permetta di affrontare  temi legati all’offerta sanitaria del comprensorio privernate e dei comuni della provincia”.

CONSIGLIERE REGIONALE ENRICO FORTE - "Grazie alla sensibilità della direzione generale della Asl è stata scongiurata la chiusura della struttura sanitaria, chiusura che avrebbe creato gravi disagi alla popolazione dell’intero comprensorio che al centro fa riferimento" ha commentato il consigliere regionale del Partito Democratico Enrico Forte.

"Il direttore generale dell’Azienda sanitaria Caporossi – spiega il consigliere regionale pontino – ha recepito con grande disponibilità e attenzione le istanze della popolazione interessata e la Regione Lazio, da parte sua, si è fortemente impegnata per favorire tale soluzione e mantenere in vita una struttura fondamentale nella rete socio-sanitaria territoriale. Il punto di primo soccorso resta quindi al servizio dei cittadini di Priverno e dei centri limitrofi, un segnale di attenzione e sensibilità nei confronti di un territorio, quello dei Monti Lepini, che in passato ha già subìto pesanti tagli in materia di strutture di assistenza sanitaria quali la chiusura degli ospedali di Sezze e Priverno.

La decisione, fortemente caldeggiata dalla Regione – conclude Forte – eviterà una grave danno per quell’area soprattutto all’inizio della stagione estiva quando la richiesta di servizi sanitari subisce un inevitabile incremento».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, non chiuderà il punto di primo intervento di Priverno

LatinaToday è in caricamento