rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Sonnino / Piazza Gregorio Antonelli

Va a monte un furto al museo di Sonnino: scovati, i ladri confessano

I carabinieri sventano un colpo ai danni del museo "Terre di confine": fermate due persone che avevano provato ad introdursi nell'antiquarium forzando la porta d'ingresso

Forse erano ladri di reperti di valore o di oggetti d'arte, come quelli che la settimana scorsa hanno portato via le statue sul piazzale di una chiesa a Latina. Molto più probabilmente si è trattato di una bravata, finita con una confessione spontanea. Fatto sta che il furto che due individui hanno tentato di portare a termine la notte appena passata al museo “Terre di Confine” non è andato, per fortuna, a buon fine.

I carabinieri sono giunti sul posto attorno a mezzanotte e mezza e hanno fatto in tempo ad avvistare due persone che si davano alla macchia dopo aver capito di essere state avvicinate dai militari.

Le tempestive ricerche degli uomini dell’Arma consentivano però di fermare due individui, che, spontaneamente confessavano ai militari di essere stati gli autori del delitto, avendo già forzato la porta di ingresso del citato museo. I due ladri rei confessi sono stati denunciati a piede libero.

Il museo “Terre di confine” mette assieme reperti del patrimonio culturale locale e contiene una sezione dedicata alla storia del brigantaggio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Va a monte un furto al museo di Sonnino: scovati, i ladri confessano

LatinaToday è in caricamento