Voragine sulla Pontina, presidio di Legambiente sabato 2 febbraio

Il circolo di Terracina chiede il ritiro del progetto dell'autostrada e la messa in sicurezza dell'arteria stradale

Il circolo di Legambiente di Terracina “Pisco Montano” aderisce all’iniziativa di presidio, in programma sabato 2 febbraio e organizzata dal Comitato No Corridoio Roma-Latina, al chilometro 97,7 della Pontina. Il presidio si svolgerà in prossimità della voragine che si è aperta lungo l’arteria stradale per ricordare il cittadino di Terracina Valter Donà, vittima della tragedia.

“Le gravi condizioni in cui versa la via Pontina da Roma a Terracina con buche ovunque – spiega in una nota Legambiente di Terracina - sono state sempre denunciate dal nostro circolo, proprio sostenendo il Comitato No Corridoio Roma-Latina per la Metropolitana Leggera, movimento autonomo e indipendente dei cittadini, che, insieme al suo portavoce storico Gualtiero Alunni, lottano in prima persona per difendere la propria terra dalla devastazione dell'inutile autostrada a pedaggio A12-Roma-Latina. Il Comitato lotta da anni per una strada statale pubblica senza pedaggio, sottoposta ad un costante adeguamento e mantenimento in sicurezza secondo la norma vigente e secondo le moderne logiche di intermodalità, ispirate all’economia circolare, che disincentivi l’utilizzo dell’auto di proprietà e il corrispondente flusso veicolare, tramite un miglior sistema di trasporto pubblico locale con corsie dedicate, su ferro”.

“Alla luce delle condizioni dello sbriciolamento dell'asfalto e delle enormi buche che si aprono come voragini, dimostrazione palese dell'assenza di qualsiasi seria manutenzione e dei gravi rischi scaricati sugli automobilisti, riteniamo semplicemente obsoleta e disastrosa – continua Legambiente - l’ipotesi di una autostrada a pedaggio, con la “magica formula” del project financing, dell’importo complessivo di 2,72 miliardi di euro. E’ questo quindi il momento giusto per provare a chiedere uniti e compatti al Governo e alla Regione il ritiro completo del progetto”.

“Terracina in questo momento storico – si legge ancora - sembra essere davvero una città “bella ma irraggiungibile”: una carenza grave di infrastrutture viarie primarie di accesso alla città ne impedisce un adeguato sviluppo turistico e fa precipitare la città in una sorta di limbo, non solo con l’interruzione della Pontina dovuta alla voragine, ma anche con il Ponte sul Sisto demolito e dopo due anni ancora lontano da una seppur provvisoria ricostruzione, con la situazione precaria della Superstrada Terracina-Frosinone ancora chiusa, la Stazione ferroviaria ed il Treno finiti nell’oblio oramai dal 2012”.

Il presidio sarà dunque organizzato sabato 2 febbraio a partire dalle 10 lungo la Pontina, all'altezza del chilometro 97.7.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

pontina_voragine_manifestazione_legambiente-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Coronavirus Anzio, tornano i contagi: tre nuovi casi registrati in città

  • Aggressione sulla pista ciclabile, l'arrestato al giudice: "Le ragazze mi avevano rubato il telefono"

  • Fiumi di droga dalla Spagna al sud pontino: 22 arresti. Armi e bombe per eliminare i rivali

  • Coronavirus: nessun caso in provincia, 13 nuovi pazienti nel Lazio e 58 guariti

  • Coronavirus Latina: nessun caso in provincia, 9 nel Lazio. Attenzione puntata sui voli internazionali

Torna su
LatinaToday è in caricamento