Economia

B2B Agrifood: agroalimentare pontino alla conquista di Russia e Polonia

Le imprese pontine, prevalentemente di vino, frutta e verdura fresca, protagoniste di "Business to Business", iniziativa di UniCredit per l'internazionalizzazione dei prodotti del centro Italia

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Le imprese pontine sono pronte a guardare all'estero alla ricerca di nuove opportunità. Latina protagonista al "B2B Agrifood Roma", iniziativa promossa da UniCredit, Consiglio di Territorio UniCredit di Roma con l'obiettivo di promuovere l'internazionalizzazione delle imprese del settore agro alimentare abruzzese verso Russia e Polonia.

I mercati di questi due paesi sono infatti in forte crescita. La Polonia è un paese con 38 milioni di persone, un PIL per il 2011 aumentato del 4,3% e una previsione di incremento per il 2012 del 2,6%. L'export italiano verso la Polonia è passato dagli 8,5 miliardi del 2010, ai 9,4 del 2011 e si attesta già su 4,7 a giugno 2012.

Quello russo è mercato di 141 milioni di persone e un PIL che 2011 è aumentato del 4,3%, con una previsione di crescita per il 2012 del 3,5%. L'export italiano verso questo paese si è attestato sui 7,9 miliardi nel 2010, di 9,3 nel 2011 e di 4,6 a giugno 2012.

A differenza di quanto accade per altre regioni d'Italia però, i prodotti del settore agroalimentare made in Lazio, Abruzzo e Molise vengono esportati poco in questi Paesi. E' per questo che UniCredit ha deciso di creare un'occasione di incontro tra imprese italiane e buyers russi e polacchi.

All'evento sono intervenuti Frederik Geertman, Territorial Manager per il Centro di UniCredit, Alessandro La Porta, Responsabile Territorial Relations UniCredit e Mario Fiumara, Deputy Regional Manager per il Centro di UniCredit.

Il progetto è finalizzato a dare ulteriore impulso a un settore, come quello agroalimentare del centro Italia promuovendone la conoscenza all'estero e supportando le imprese che desiderano potenziare il proprio flusso di esportazione verso i mercati dell'Europa Centro Orientale, in particolar modo verso Russia e Polonia.

Oggi, le imprese aderenti all'iniziativa, circa 65 realtà imprenditoriali provenienti da tutto il centro Italia, hanno incontrato presso Lo Sheraton Golf Parco dé Medici Hotel di Roma un gruppo di buyer russi e polacchi selezionati. Negli incontri "Business to Business" le aziende del settore agrolimentare hanno avuto la possibilità di prendere contatto diretto con gli attori di due mercati "giovani" e ricchi di potenzialità.

I settori interessati al B2B sono vino, formaggi/latticini e frutta e verdura fresca. Per il Molise in maggior percentuale erano presenti produttori di formaggi e latticini, per l'Abruzzo i produttori di vini, per il lazio vino e frutta e verdura fresca.

Tra le aziende di Latina: Leo Group srl, Ortofrutticola Stravato srl, Esogel srl, C.I.D. srl, Agro Circe 2000

Nel corso della giornata sono organizzati anche diversi tavoli di consulenza (Bank Pekao S.A. per la Polonia, Zao UniCredit Bank per la Russia, i desk di UniCredit Global Transaction Banking e CBBM e Informest Consulting) presso i quali le aziende hanno potuto ricevere informazioni e consigli circa le modalità e gli adempimenti necessari alle esportazioni dei prodotti nel mercato russo e polacco. Inoltre è stato possibile approfondire le tematiche di natura bancaria e finanziaria riguardanti l'export, come incassi e pagamenti, credito documentario e finanziamenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

B2B Agrifood: agroalimentare pontino alla conquista di Russia e Polonia

LatinaToday è in caricamento