rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
L'indagine

Crescono le esportazioni del Lazio: +11% per l'ortofrutta dell'agro pontino

Lo studio di Intesa Sanpaolo realizzato "Monitor dei poli tecnologici del Lazio"

Nel terzo trimestre 2022 è proseguito il trend positivo delle esportazioni dei poli tecnologici laziali, che hanno confermato una crescita a doppia cifra pari a + 17,4%. Il polo farmaceutico del Lazio chiude così per il quarto trimestre consecutivo con un incremento delle esportazioni a doppia cifra mentre si registra un’accelerazione sia delle esportazioni del polo aerospaziale (+17,7%) che del polo Ict (+15,6%). E' quanto emerge dal dossier "Monitor dei poli tecnologici del Lazio" realizzato dalla Direzione studi e ricerche di Intesa Sanpaolo e relativo alle esportazioni analizzate fino al 30 settembre 2022.

"Nel complesso, nei primi 9 mesi del 2022 le esportazioni del polo farmaceutico regionale hanno toccato quasi 9,5 miliardi di euro, in crescita del 18,4% rispetto al corrispondente periodo del 2021 - si legge in una nota - confermandosi la primaria realtà italiana del settore in termini di valori esportati. Cresce, per l’ottavo trimestre consecutivo, l’export del polo Ict romano (+15,6%) sostenuto sopratttuo dagli scambi con Stati Uniti, Emirati Arabi, Arabia Saudita e Pakistan. Prosegue il trend positivo anche per il polo dell’aerospazio regionale che chiude il terzo trimestre con un +17,7%, sostenuto dai rapporti commerciali con Arabia Saudita, Qatar e Giappone. Il Monitor dei poli tecnologici del Lazio conferma la rilevanza dei poli hi-tech regionali nel panorama manifatturiero italiano. Le esportazioni dei primi nove mesi dell’anno, pari a 98 milioni di euro, evidenziano i Paesi Bassi come primo partner commerciale del distretto. Bene anche Francia, Svizzera, Austria, Belgio, Germania e Spagna mentre registrano un calo le vendite verso il Regno Unito. Nonostante il contesto difficile segnato da un forte incremento dei costi per le aziende del distretto, l’ottimo posizionamento competitivo delle produzioni viterbesi in termini di qualità e design, continua a sostenere le vendite sui mercati esteri".

Nel terzo trimestre 2002 si è registrata una forte accelerazione delle esportazioni del distretto dell’ortofrutta dell’agro pontino, con +11,7% tendenziale. I primi nove mesi 2022 sono in linea con quelli del 2021. In questo caso la Germania continua ad essere il primo mercato di sbocco, ma le esportazioni sono sostenute anche da Francia e Paesi Bassi mentre registrano un forte calo le vendite verso gli Stati Uniti. "I dati dell’export mostrano una regione dinamica, capace di reagire alle sfide di un contesto economico e geo-politico difficile - commenta Roberto Gabrielli, direttore regionale Lazio e Abruzzo Intesa Sanpaolo - Nonostante le incertezze del quadro macroeconomico le esportazioni dei primi 9 mesi 2022 mostrano un tessuto imprenditoriale che ha saputo innovare e che ha saputo valorizzare la filiera di prossimità. La nostra banca non ha mai smesso di accompagnare il sistema produttivo e proprio alle filiere ha dedicato Sviluppo Filiere, un programma sottoscritto già da 18 filiere laziali che generano un giro d’affari di oltre 2 miliardi di euro e grazie al quale oggi migliaia di piccole e microimprese di fornitura beneficiano del rating creditizio della capofila e godono di condizioni vantaggiose di credito". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crescono le esportazioni del Lazio: +11% per l'ortofrutta dell'agro pontino

LatinaToday è in caricamento