Economia Cisterna di Latina

Paoil, incontro in Regione: poche speranze per la ripresa dell’attività

Non sono emersi segnali positivi dal vertice in Regione; preoccupazione per i 42 lavoratori a cui il 14 febbraio scadrà la cassa integrazione in deroga. Merolla: “Si spera in un soggetto interessato a rilevare l’azienda”

Non sono emersi segnali positivi dall’incontro di mercoledì 5 febbraio, mentre resta alta l’attenzione nei confronti del 42 lavoratori della Paoil che dal prossimo 14 febbraio potrebbero restare senza sostentamento a causa della scadenza della cassa integrazione in deroga.

Al vertice hanno presso l’assessorato al Lavoro della Regione Lazio, hanno partecipato le organizzazioni sindacali, l’assessora provinciale D’Arco, i funzionari competenti della Regione ed il Sindaco Merolla.

Anche se le prospettive di una ripresa dell’attività produttiva nel breve periodo della storica raffineria di olii cisternese sono sembrate a tutti deboli, dall’incontro sarebbe emersa chiara la volontà delle forze istituzionali di non abbandonare i 42 operai rimasti senza lavoro e di cercare soluzioni finalizzate al mantenimento dei livelli occupazionali.

“A questo punto — ha commentato il primo cittadino di Cisterna — l’auspicio di tutti è l’entrata in campo di un soggetto industriale terzo, seriamente interessato a rilevare un impianto che, è bene far notare a tutti, è unico nel centro sud per tecnologie e capacità produttiva. Ringrazio – conclude Merolla - le organizzazioni sindacali, la Regione Lazio la Provincia di Latina ma soprattutto i lavoratori Paoil che stanno affrontando questo momento difficile ed incerto con grande dignità”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paoil, incontro in Regione: poche speranze per la ripresa dell’attività

LatinaToday è in caricamento