Cimitero, aumentano le cremazioni a Latina. Forte (Pd): “Inutile l’ampliamento”

“No ad ampliamenti del cimitero e pensare alla realizzazione di un tempio crematorio”: a fronte dell’aumento del numero di cremazione degli ultimi anni, l’intervento del del candidato a sindaco che punta ad un “ritorno al pubblico” per la gestione

Il cimitero di Latina

“La nuova amministrazione comunale dovrà mettere in campo una approfondita ricognizione sulle questioni riguardanti il cimitero cittadino”. Queste le parole del candidato a sindaco del Pd, Enrico Forte che punta l'attenzione in particolare su due temi: la questione dell’ampliamento del camposanto, anche a fronte dell’aumento delle cremazioni a Latina negli ultimi anni, e la gestione del servizio stesso.

“In questi anni gli effetti della privatizzazione della struttura cimiteriale hanno creato non poche perplessità - commenta il candidato sindaco -: senza entrare nella complessa articolazione della convenzione che regola i rapporti tra il Comune ed il gestore privato, penso che si dovrà tentare la strada di un ritorno alla gestione pubblica del cimitero ed evitare ulteriori ampliamenti attraverso una razionalizzazione dell’esistente ed una modernizzazione del servizio”. 

“Penso - prosegue Forte - che il cimitero cittadino debba dotarsi di un impianto di cremazione per andare incontro ad una richiesta già importante, in termini di numeri, da parte degli utenti. Sono cresciute, negli anni, le famiglie che hanno deciso di rivolgersi ad impianti fuori provincia ( in particolar modo sfruttando quello attivo a Viterbo e quello di Salerno) e questo con un grande dispendio di denaro, o dovendo rispettare lunghe liste d’attesa.

Quella della realizzazione di un tempio crematorio a Latina - aggiunge Forte - è una battaglia di civiltà che parte da una necessità sempre più forte, figlia di un cambiamento culturale tangibile. Un dato su tutti: nel 2015 sono state effettuate 439 cremazioni. Pensate che nel 2012 erano solo 196. Il trend è sempre stato in crescita: 282 le cremazioni effettuate nel 2013, e nel 2014 sono state 383”.

Numeri per il candidato sindaco “abbastanza eloquenti, e se pensiamo che in un anno a Latina si registrano circa mille decessi, con un numero di cremazioni sempre maggiori si può a buon diritto pensare che ogni ipotesi di ampliamento per aggiungere nuovi loculi sarebbe del tutto inutile. I vantaggi per i residenti di Latina che decideranno per tale servizio sarebbero molti, a partire dal quello economico, visto che le tariffe per i residenti  che scelgono la cremazione dei propri defunti sarebbero agevolate rispetto a quelle applicate a chi proviene da fuori provincia.

La prossima amministrazione  comunale - conclude Forte - perseguendo gli interessi dei cittadini, farà il possibile per consentire una gestione cimiteriale a misura di tutti e delle rinnovate esigenze della nostra comunità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, contagi in risalita: 180 casi e ancora quattro decessi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento