Politica

Città nuove Gaeta, Giuseppe Spirito presenta le linee programmatiche

Spirito invita il popolo a partecipare alla vita politica della città: "Noi cittadini abbiamo l'obbligo morale di scendere in campo per affrontare i problemi del paese"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

"Il nucleo fondamentale è la famiglia. Se manca il lavoro, non c'è famiglia, se manca assistenza agli anziani o ai malati, non c'è famiglia. Se le donne hanno difficoltà nel lavoro, non c'è famiglia. Se non c'è attenzione all'ambiente, non c'è famiglia. I parlamentini dei territori saranno aperti a tutti coloro che vogliono aderire a Città Nuove. Facciamola finita con questa rincorsa alle tessere: chi si associa a Città Nuove lo fa liberamente per partecipare al dibattito sul territorio. Vogliamo uscire dalla logica dei colonnelli, tutti devono essere parte di un progetto vivo e democratico. Città Nuove include e non esclude, accoglie persone capaci che credono nel nostro progetto. Guarderemo all'Europa con interesse se l'Europa guarderà alle nostre città con consapevolezza. Chiederemo di guardare alle condizioni di vita. Basta suicidi, basta persone senza stipendio. Dobbiamo avere coraggio e visione. Ritrovare, cioè, la visione strategica che negli ultimi anni è mancata per guardare ai bisogni delle persone: non accettiamo equivoci".

Questo è quanto Renata Polverini ha fatto emergere sul palco del Pala Atlantico, in occasione dell'Assemblea Nazionale di Città Nuove, che si è svolta sabato 9 Giugno a Roma, dove Gaeta era presente con i suoi rappresentanti.

Una volta tornati a Gaeta, carichi di una nuova linfa, il coordinamento cittadino di Città Nuove si è riunito assieme al componente del Direttivo Nazionale Claudio Durigon per scegliere un comitato di 4 elementi che andranno a confrontarsi quotidianamente sulle iniziative da intraprendere, coinvolgendo tutti gli iscritti e simpatizzanti del movimento. Sono stati nominati Maurizio Caso Coordinatore Cittadino, Giacomo Spinosa e Giovanni Di Tucci vice Coordinatori e Giuseppe Spirito Responsabile Organizzativo ed Addetto alla Comunicazione.

Lo stesso Giuseppe Spirito, partendo da questo comunicato, invita tutti a partecipare alla vita politica del paese.

"La politica, allo stato attuale in cui si trova, sta morendo. Noi cittadini abbiamo l'obbligo morale di scendere in campo per affrontare i problemi del paese, nessuno nasce come grande politico, tutti noi possiamo contribuire a rimettere in moto l'Italia. Vogliamo schierare in campo una nuova classe dirigente, che avrà bisogno di formazione e di un'adeguata preparazione, è per questo che Città Nuove a Settembre ci darà un occasione unica: quella di partecipare alla prima Scuola di Formazione Politica.

Non possiamo lasciare che il nostro amato paese finisca nelle mani di Beppe Grillo e dei suoi grillini, non servono e non bastano soltanto le denunce contro il marcio della politica attuale, abbiamo il dovere di risollevare il nostro paese grazie alle competenze ed alla preparazione che tutti i nostri eletti devono essere in grado di mettere in pratica. Sta partendo un organizzazione capillare sul territorio, con l'intento di formare dei Parlamentini, che aggregano più comuni, dove sarà possibile avviare un confronto tra i cittadini e gli amministratori per risolvere problemi comuni. Come ci ha spiegato il componente del Direttivo Nazionale Salvatore Ronghi, i Parlamentini saranno composti dai rappresentanti delle assemblee elettive iscritti alla fondazione, dai responsabili dei circoli territoriali di Città Nuove e dai rappresentanti degli Ordini professionali operanti sui territori. Il parlamentino eleggerà, poi, il proprio portavoce che resta in carica massimo due anni.

Anche noi ci stiamo attivando, insieme agli altri coordinamenti dei comuni limitrofi per mettere insieme il parlamentino del sud pontino. Sarà occasione di confronto e di crescita per il bene del nostro territorio. Bisogna dare priorità assoluta a temi come: lavoro, famiglia, i giovani, il sociale e l'ambiente.

Il nostro obiettivo è quello di inglobare all'interno della nostra Fondazione anche gli eletti delle altre Liste Civiche, vogliamo offrire a loro un supporto nell'esperienza amministrativa, che vivremo tutti insieme per i prossimi 5 anni. Dobbiamo essere il trait d'union tra Comune e Regione, abbiamo un'opportunità davvero unica e non dobbiamo lasciarcela sfuggire.

Abbiamo iniziato una campagna di aggregazione, rivolta a tutti coloro che vogliono avvicinarsi alla politica, non abbiamo bisogno di farci strada a suon di tessere, sarà la voce dei singoli cittadini la nostra forza.

La nostra pagina facebook è sempre aperta a chiunque voglia mettersi in contatto con il nostro rappresentante in Giunta Antonio Di Biagio, il nostro consigliere eletto Maurizio Caso o qualsiasi altro membro del coordinamento. Inoltre troverete elencate tutte le nostre iniziative. Se volete potete contattarci per portare la vostra voce in consiglio comunale, daremo forma alle vostre idee ed insieme a voi cercheremo di realizzarle".

Si ricorda che è ancora in corso la raccolta firme per introdurre il voto di preferenza nel sistema dell'elezione del parlamento. Devono essere i cittadini a scegliere i propri rappresentanti e non i partiti! Il rinnovamento parte dal basso e noi a Gaeta siamo un chiaro esempio che se si lavora bene e con l'obiettivo comune di raggiungere sempre il miglio risultato ce la si può fare!

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città nuove Gaeta, Giuseppe Spirito presenta le linee programmatiche

LatinaToday è in caricamento