menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Al centro il padre di Veronica De Nitto

Al centro il padre di Veronica De Nitto

Omicidio De Nitto, Trano: "Il ministro Di Maio non può restare in silenzio"

Il deputato pontino ha presentato sul caso un'interrogazione chiedendo di fornire supporto e informazioni alla famiglia della ragazza di Latina uccisa a San Francisco

Lo scorso 15 gennaio, a San Francisco, la 34enne Veronica De Nitto, originaria di Latina, è stata barbaramente uccisa nella sua abitazione. Un cittadino americano che aveva avuto una relazione con la ragazza è ora ricercato, a quanto pare dopo essere fuggito in messico. Sul caso torna il deputato pontino Raffaele Trano che in questi giorni ha incontrato il padre della giovane e il suo legale Valerio Masci.

"A distanza di tre mesi - dichiara - i familiari di Veronica De Nitto non hanno ancora neppure idea del movente dell'atroce delitto. Al papà, che ho incontrato e con cui mi sono confrontato, è stato persino impedito di recarsi negli Usa per assistere al funerale della figlia e non è giunta alcuna informazione ufficiale dopo la tragedia, né dalle autorità statunitensi né da quelle italiane. Ho parlato direttamente della vicenda con il console generale d'Italia a San Francisco Lorenzo Ortona, che ringrazio per la disponibilità. Dal console ho avuto rassicurazioni sull'impegno della polizia americana nelle indagini, mi ha riferito di aver subito comunicato l'accaduto alla Procura della Repubblica di Roma, mi ha assicurato di essere in costante contatto con la sorella della vittima, che vive in California, e specificato quanto il delitto abbia sconvolto la stessa comunità italiana a San Francisco, dove Veronica era conosciuta e molto amata".

"Ma tutto questo non basta - aggiunge Trano - I familiari di Veronica De Nitto hanno diritto a verità e giustizia e il ministro degli esteri Luigi Di Maio, sinora rimasto in silenzio, deve intervenire e chiarire quali sono attualmente i contatti con le autorità statunitensi e anche quelli eventuali tra la magistratura italiana e quella americana. A tal fine ho presentato un'interrogazione insieme alle colleghe Elisa Siragusa e Guia Termini, chiedendo al ministro anche di fornire il massimo supporto alla famiglia della vittima, quello che sinora è mancato, e di creare una struttura interna alla Farnesina che in situazioni del genere possa attivarsi immediatamente e fare da raccordo tra le autorità estere e i familiari delle vittime in Italia. Un femminicidio negli Usa non è un femminicidio di serie B e farò tutto quello che è nelle mie possibilità affinché venga fatta presto e definitivamente luce sul caso". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La tradizione in tavola: la Carbonara

  • Cucina

    La tradizione in tavola: la pastiera napoletana

Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento