rotate-mobile
Politica

Primarie Pd per i parlamentari, tra i candidati anche Salvatore La Penna

Il vicesegretario provinciale pronto a scendere in campo; lavoro, sviluppo e innovazione al centro dell'agenda politica. "Valorizzare paesaggio, ambiente e filiera agroalimentare"

Manca meno di una settimana al giorno delle primarie del Pd per i parlamentari. All’interno del partito c’è grande movimento in vista del 30 dicembre quando gli elettori del Partito democratico saranno chiamati ad esprimersi su quelli che vorrebbero fossero i loro rappresentanti in Camera e Senato.

La presentazione ufficiale delle candidature si avrà domani mattina, ma i nomi circolano ormai da alcuni giorni; tra questi quello di Salvatore La Penna, vicesegretario provinciale del Partito Democratico la cui candidatura, pur in uno spirito di rinnovamento, rimane ancorata ai valori tradizionali della sinistra e che pone al centro dell’agenda politica i temi del lavoro, dell’ uguaglianza, della crescita dentro un quadro di solidarietà sociale.

“Una nuova generazione è pienamente legittimata a rappresentare le istituzioni di questo Paese – afferma il vicesegretario provinciale del Pd Salvatore La Penna - e a creare nuove classi dirigenti in un patto con le esperienze e le competenze migliori.  Siamo in campo per vincere queste primarie sulla scia dell'affermazione di Bersani che non è la vittoria di un leader solo al comando ma di un progetto di governo dichiaratamente progressista".
Sui temi del lavoro, sviluppo e innovazione La Penna ha un’idea precisa: “non semplici slogan ma strumenti necessari su cui concentrare azioni e risorse”.

“Le politiche ultraliberiste hanno pervaso il mondo politico ed economico di un cinismo dannoso che ha aumentato il divario tra chi ha di più e chi ha di meno - dichiara La Penna -. La crisi economica si è abbattuta anche sulla nostra provincia: le ore di cassa integrazione crescono drammaticamente; la filiera di governo di centrodestra in questa provincia ha palesato enormi difficoltà ad aprire prospettive di sviluppo e a pensare a una riconversione e valorizzazione dell’intero sistema produttivo; le piccole e medie imprese, anche di eccellenza, non sono supportate da un sistema infrastrutturale adeguato. Seppure indebolito, questo sistema ha ampia disponibilità di risorse umane capaci. Possiamo ritenere fallito lo schema di sviluppo su base unicamente industriale. Dobbiamo invece valorizzare e rilanciare la filiera agroalimentare, e puntare sul paesaggio e sull’ambiente, in particolar modo nel sud pontino. Considerando questi due elementi come incubatori di sviluppo per tutta la provincia”.

“Siamo qui per cambiare – conclude il candidato alle primarie per i parlamentari del Partito democratico Salvatore La Penna -. Guarderemo il mondo dal punto di vista dei più deboli, dei precari, dei disoccupati, delle lavoratrici e dei lavoratori senza tutele, degli studenti e dei ricercatori senza prospettiva, delle imprese lasciate sole davanti alla crisi affinché prevalgano politiche di solidarietà, equità, difesa dei beni e diritti comuni”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie Pd per i parlamentari, tra i candidati anche Salvatore La Penna

LatinaToday è in caricamento