Nuovo ospedale a Latina, Forte (Pd): "Una battaglia a cui credo da sempre"

Sul dibattito relativo all'ipotesi di realizzare un nuovo nosocomio nel capoluogo interviene anche il consigliere regionale del Pd Enrico Forte

"Latina e la sua provincia hanno certamente bisogno di un nuovo ospedale da realizzare nel capoluogo. E’ sotto gli occhi di tutti l’inadeguatezza di una struttura che vide la luce nel lontano 1964 e che oggi la Regione vuole adeguare per rispondere alle esigenze dei pazienti e degli operatori. Ma questi investimenti in atto vanno resi compatibili com una prospettiva a medio e lungo termine, in grado di contemplare un nuovo progetto, non più rinviabile". E' l'intervento del consigliere regionale Enrico Forte sull'ipotesi di realizzare un nuovo ospeale nel capoluogo, un tema diventato al centro del dibattito politico della città.  

Zaccheo rilancia il nuovo ospedale da realizzare con un progetto di finanza

"Vorrei ricordare - aggiunge il consigliere Forte -  come l’idea di una nuova struttura abbia preso piede con la giunta di centrosinistra guidata da Piero Marrazzo, mettendo a disposizione un’area di proprietà della Regione Lazio nella zona di Borgo Piave, ancora oggi strategica per collocarvi l’ospedale. Non da ora - prosegue il consigliere - sostengo che il Goretti sia giunto al culmine del suo percorso d’esercizio, e come capita per molte altre strutture nel nostro Paese realizzate nell’epoca del boom economico (mi riferisco ad edifici pubblici e privati) i costi di manutenzione e di possibili adeguamenti hanno superato di gran lunga quelli originari di costruzione.  Per questo si deve pensare, nel caso specifico di un ospedale, a costruire nuove realtà funzionali, che agevolino la gestione dei pazienti ed un migliore percorso di cura all’interno di esso. Serve un nosocomio che metta al centro l’uomo e le sue necessità, con un alto tasso di tecnologia e specializzazione, che sia un esempio di efficienza energetica e sostenibilità ambientale. Un restyling è certamente utile, ma non attirerà eccellenze e non farà decollare il territorio, che ha bisogno di puntare almeno su una grande opera da consegnare alla collettività".

L'intervento di Lbc: "Non più cattedrali nel deserto"

"Se non si farà questo - spiega Forte - quello di Latina resterà sempre un ospedale di frontiera, vittima degli errori del passato, in cui hanno contato più le carriere che non i servizi al territorio, fagocitato dal grande sistema della sanità romana. Quella per il nuovo ospedale è una battaglia alla quale credo non da oggi, avendola inserita come parte qualificante nel programma elettorale delle scorse comunali. Attraverso un nuovo polo ospedaliero si potrebbe  finalmente ottimizzare e rendere strutturale  il rapporto con l’Università, pensando alla realizzazione di un policlinico universitario, dalle dimensioni utili al nostro territorio e che sia capace di sviluppare un polo di ricerca in alleanza con una indiscussa eccellenza di Latina, ovvero il comparto chimico- farmaceutico. È evidente che la possibile realizzazione passa attraverso un progetto di finanza.  Nell’immediato - conclude Forte - va quindi riaffermata la volontà amministrativa e politica, attraverso atti chiari, che consentano di riprendere un dialogo con la Regione. Mi batterò affinché si proceda in questa direzione". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

Torna su
LatinaToday è in caricamento