rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Coronavirus

Vaccino anti-Covid, quarta dose per over 80 e soggetti fragili over 60: si parte nel Lazio

Le somministrazioni partono a Rieti e poi sarà la volta di tutte le altre Asl della regione. Assessore D’Amato: “Sarà possibile dai prossimi giorni prenotare secondo le consuete modalità oppure presso il proprio medico di base o le farmacie”

Iniziano da domani nel Lazio le somministrazioni della quarta dose del vaccino contro il coronavirus per gli over 80 e i soggetti fragili over 60. A fare da apripista la Asl di Rieti dove le vaccinazioni per queste due categorie di persone partono proprio martedì 12 aprile; a seguire sarà poi la volta di tutte le altre Aziende sanitarie locale, compresa quella pontina.

L’annuncio è stato dato dall’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato con il bollettino di oggi, lunedì 11 aprile. “Domani partiranno le prime somministrazioni per la quarta dose a Rieti e successivamente in tutte le altre Asl - ha sottolineato D'Amato -. Sarà possibile, a partire dai prossimi giorni, prenotare secondo le consuete modalità oppure presso il proprio medico di medicina generale o le farmacie. Si ricorda - aggiunge poi l’assessore regionale - che la vaccinazione con 4 dose è rivolta a over 80 e over 60 che rientrino nelle categorie di fragilità individuate dal ministero. Ricordiamo inoltre che chi è stato positivo dopo la terza dose (booster) è esentato dal nuovo richiamo”.

La quarta dose di vaccino anti-Covid in Italia prevista "per le persone che abbiano compiuto o superato gli 80 anni di età, per gli ospiti delle Rsa e per coloro i quali siano inseriti nelle categorie a rischio e abbiano un'età compresa tra i 60 e i 79 anni” è stata annunciata lo scorso 8 aprile attraverso una nota da ministero della Salute, Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Istituto superiore di sanità (Iss) e Consiglio superiore di sanità (Css), a seguito del pronunciamento di Agenzia europea del farmaco Ema e Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, Ecdc, e alla riunione della Commissione tecnico scientifica (Cts) di Aifa. Con la stessa nota sono state indicate le modalità di somministrazione del secondo booster; viene raccomandata infatti “la somministrazione di una seconda dose di richiamo (secondo booster) con vaccino" anti Covid "a mRna nei dosaggi autorizzati per la dose booster, purché sia trascorso un intervallo minimo di almeno 120 giorni dalla prima dose di richiamo".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino anti-Covid, quarta dose per over 80 e soggetti fragili over 60: si parte nel Lazio

LatinaToday è in caricamento