Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Piazza del Popolo

Festa della Polizia per il 160esimo anniversario, dati della Questura

Le celebrazioni in piazza del Popolo; bilancio del questore Intini sull'ultimo anno di lavoro. Più di 500 gli arresti compiuti in provincia, 613 gli incidenti stradali di cui 29 mortali

Si è svolta nella giornata di ieri la festa per il 160esimo anniversario della fondazione della polizia di Stato.

Le celebrazioni sono iniziate nella mattinata per poi proseguire nel pomeriggio con gli stand che sono stati allestiti in piazza del Popolo per illustrare le principali attività istituzionali del corpo.

Durante la cerimonia della mattina il questore Alberto Intini ha colto l’occasione per illustrare il lavoro svolto dalla polizia nel corso del 2011 e nei primi mesi del 2012. Numeri che parlano chiaro sulle attività del corpo e sulla necessità degli interventi nel capoluogo.

IL DISCORSO DEL QUESTORE INTINI

Ecco alcuni dati forniti dal questore.

Dall’aprile del 2011 all’aprile del 2012, sono stati 552 gli arresti, 1883 le denunce e 869 le perquisizioni; mentre le chiamate ricevute dalla centrale sono arrivate ad 87mila, le persone controllate a 23mila e i veicoli controllati a 20.968.

POLIZIA GIUDIZIARIA –  Nell’aprile dello scorso anno ad Aprilia la polizia stradale ha arrestato quattro persone per riciclaggio, ricettazione e falsa documentazione di immatricolazione di veicoli nell’operazione denominata Paper Cars, mentre nel mese successivo a Formia sono state denunciate 2 persone per violazione all’ordinanza Daspo.

A Giugno sempre nella città del sud pontino sono state denunciate due persone per sequestro di persona e rapina aggravata, una arrestata per stalking e a Cisterna una per spaccio. Ad agosto protagonista è sempre il commissariato di Formia che arresta una persona per tentato omicidio, mentre invece a settembre la mobile di Latina e il commissariato di Fondi arrestano 4 persone autori di un attentato ai danni di un Ispettore di Polizia impegnato in indagini di polizia giudiziaria su rapine e detenzione di armi che li vedeva coinvolti. Sempre nello stesso mese le manette scattano per 7 cittadini egiziani capeggiati da Marco Massarelli per i reati di favoreggiamento e sfruttamento dell’immigrazione clandestina in merito allo  sbarco di clandestini provenienti dalle coste Africane; a Fondi vengono arrestate 4 persone per rapina, detenzione di arma da fuoco, favoreggiamento e a Cisterna vengono confiscate due ville, tre autovetture, un terreno e conti correnti per un valore pari a circa un milione di euro.

Ad ottobre sempre a Cisterna finisce in manette un uomo per tentato omicidio dei suoi familiari mentre la mobile sequestra beni ad un imprenditore per 200 milioni di euro. E veniamo al 2012; a gennaio la mobile arresta 24 persone accusate di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, tutte facente parte di una organizzazione criminale operante nel capoluogo pontino e dedita in forma stabile allo spaccio di stupefacenti; in manette anche tre cittadini romeni per i reati di estorsione aggravata in concorso con reiterate minacce di morte, ed incendio doloso presso il campo nomadi di Al Karama; sempre a gennaio per associazione mafiosa a Gaeta viene fermato Gennaro Ricci.

Nel febbraio la mobile sequestra beni per 45 milioni di euro ad un imprenditore di Giugliano in Campania (NA) contiguo al Clan camorristico dei Mallardo; nello stesso mese arrestate 8 persone, in collaborazione con la polizia spagnola, per traffico internazionale di stupefacenti, a Cisterna due cittadini romeni per sfruttamento della prostituzione ed estorsione e a Gaeta 3 persone per il furto di due semirimorchi carichi di merce, per un valore che si aggira intorno a centinaia di migliaia di euro.

A marzo la mobile arresta un cittadino romeno per sfruttamento della prostituzione e violenza sessuale commessi in Latina e Roma; e una persona per rapina a mano armata (rapinato era entrato in banca e preso in ostaggio il direttore).

Il mese di aprile ha visto la polizia intervenire su diversi fronti; il mese si è aperto con i 34 arresti tra i componenti del clan Ciarelli – Di Silvio; le accuse per loro sono di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di reati in materia di detenzione, porto e cessione illegale di più armi da sparo, omicidi, tentati omicidi, lesioni, incendi, rapine, estorsioni, usura, trasferimenti fraudolenti di valori e cessione di sostanze stupefacenti; sempre ad aprile finiscono in manette due giovani per la rapina al distributore di Tor Tre Ponti finito con una sparatoria. Tre giovanissimi finiscono poi in manette per sequestro di persona a scopo di estorsione, estorsione aggravata, minacce, lesioni, nonché spaccio di sostanze stupefacenti; mentre il commissariato di Formia dispone la misura del Daspo per sei tifosi dopo una rissa durante una partita di calcio. La polizia stradale arresta un uomo e sequestra 17 veicoli provento di furto a seguito dell’individuazione di un centro di demolizione e riciclaggio di parti di auto rubate scoperto ad Ardea, mentre il commissariato di Terracina all’individuazione e al fermo di due pericolosissimi latitanti rumeni, responsabili dell’omicidio di una novantenne a Napoli commesso due giorni prima. 

POLIZIA SCIENTIFICA – Effettuati 482 sopralluoghi di cui 3 per omicidi, 12 per i suicidi, 5 per tentati omicidi, 19 per rinvenimento cadaveri, un sequestro di persona e 27 rapine. Altri 309 sopralluoghi per furti in abitazione/attività commerciali/uffici, tentati furti, infortuni sul lavoro, incendi edifici/auto, danneggiamenti edifici/auto, rinvenimento mezzi di trasporto).

POLIZIA STRADALE – Nel corso dell’anno sono stati rilevati 613 incidenti di cui 29 mortali; le patenti ritirate sono state 510 e 40.692 le contravvenzioni elevate – 21.585 per eccesso di velocità, 204 per guida in stato di ebbrezza e 55 per guida sotto l’effetto dell’alcol -.

POLIZIA POSTALE – Sono state indagate in stato di libertà 153 persone di cui 7 per pedopornografia, 13 per reati postali, 20 per reati contro la persona, 2 per computer crime, 70 per reati connessi a strumenti di pagamento elettronico, 9 per reati inerenti la telefonia, 36 per delitti vari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della Polizia per il 160esimo anniversario, dati della Questura

LatinaToday è in caricamento