rotate-mobile
Le indagini

Una somma di denaro contesa alla base del tentato omicidio di una donna, ma il bersaglio era un altro

I risvolti emersi dall'indagine dei carabinieri del reparto territoriale di Aprilia. Due le persone arrestate

C'è un'intimidazione legata a un regolamento di conti, dietro il tentato omicidio di una donna avvenuto nel mese di agosto 2023 nel territorio di Aprilia. Dopo un'attività investigativa avviata subito dopo l'episodio criminale i carabinieri del reparto territoriale sono riusciti a stringere il cerchio intorno ai responsabili. Agli arresti sono finiti Francesco Falco, 40enne di Aprilia, e Marco Tuccio, 33enne, entrambi già noti alle forze dell'ordine. Il primo era stato arrestato nel 2015 nell'ambito dell'operazione Don't Touch

La vittima, una donna incesurata di 34 anni, si trovava a bordo di un'auto insieme ad altre due persone quando era stata raggiunta da due colpi di pistola esplosi da un uomo che era bordo di un'altra vettura. Le immediate indagini dei militari hanno fatto emergere che con ogni probabilità il bersaglio dell'intimidazione di fuoco non era lei ma un'altra persona che era nell'abitacolo. Scavando più a fondo alla vicenda è emerso che alla base dell'intimidazione c'era una consistente somma di denaro contesa, riconducibile a Falco ma che si trovava su un conto corrente bancario gestito da un altro uomo, appunto il bersaglio dell'avvertimento a colpi di arma da fuoco. 

All'interno dell'auto da cui erano partiti i proiettili c'era appunto Falco insieme a Marco Tuccio. Ora entrambi sono accusati del reato di tentato omicidio e di porto abusivo di arma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una somma di denaro contesa alla base del tentato omicidio di una donna, ma il bersaglio era un altro

LatinaToday è in caricamento