rotate-mobile
Cronaca Aprilia

Gestione illecita dei rifiuti: 6.500 euro di multa dopo il controllo dei carabinieri

Un cittadino di Aprilia, titolare della ditta che si occupa dello smaltimento di rifiuti, dovrà pagare una sanzione salata

Ad Aprilia, nella giornata di venerdì 5 aprile, i carabinieri del Reparto territoriale, insieme al Nucleo antisofisticazione e sanità di Latina e al Nucleo carabinieri forestali del capoluogo pontino, hanno svolto un servizio straordinario di controllo nel quartiere “Vallelata” nell'ambito dell'operazione Alto Impatto. Vari i provvedimenti assunti: ad un cittadino indiano residente ad Aprilia, titolare di un’attività commerciale alimentare, è stata comminata una sanzione amministrativa per mancata applicazione delle procedure di autocontrollo sull’ingresso dei prodotti alimentari con multa di 2.000 euro.

Un cittadino bulgaro titolare di un’autocarrozzeria di Aprilia, per lo scarico di acque reflue non autorizzato congiuntamente ad altre due violazioni amministrative, dovrà pagare rispettivamente 2.500 euro e 2.000 euro. Inoltre un cittadino titolare della ditta che si occupa dello smaltimento di rifiuti, per aver violato l’art. 256 c. 2 in merito alla gestione illecita dei rifiuti, dovrà pagare una sanzione amministrativa pari a 6.500 euro. Il monitoraggio della circolazione stradale ha portato invece a 116 soggetti controllati e 77 veicoli, con 3 sanzioni per violazione al codice della strada per un totale di 297 euro. Infine, controllati anche 13 soggetti sottoposti al regime degli arresti domiciliari. 

Sempre nell'ambito dell'operazione Alto impatto, i finanziari del comando provinciale di Latina, in collaborazione con altre forze di polizia, hanno svolto controlli anche nel territorio di Terracina con posti di blocco, controlli sulle persone e all’interno di attività commerciali della zona. La guardia di finanza ha "schierato" anche componenti specialistiche A.T.P.I. (Antiterrorismo e Pronto Impiego) per sottoporre a controllo attività commerciali, al fine di verificare l’eventuale presenza di lavoratori “in nero” e la commissione di eventuali violazioni in materia di contraffazione. Nell'ambito del contrasto di sostanze stupefacenti e nel settore del contrabbando di carburante, sono state fermate 49 persone e controllati 38 autoveicoli, con varie violazioni del codice della strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestione illecita dei rifiuti: 6.500 euro di multa dopo il controllo dei carabinieri

LatinaToday è in caricamento