Cronaca Ponza

Ponza, nuova vita per il Faro della Guardia: a settembre il bando di gara per l’affidamento

E' tra i 20 beni dello Stato tra fari, torri ed edifici costieri che rientrano nel bando di gara dall'Agenzia del Demanio e da Difesa Servizi S.p.A. che parte a settembre; prevede l'affitto delle strutture per il rilancio di questi "gioielli sul mare"

C’è anche il Faro della Guardia a Ponza tra i 20 fra i i beni di proprietà dello Stato tra fari, torri ed edifici costieri che a breve potranno conoscere una seconda vita. 

E’ stato infatti promosso un bando di gara dall’Agenzia del Demanio e da Difesa Servizi S.p.A., che parte a settembre e prevede l’affitto delle strutture fino ad un massimo di 50 anni. Un progetto che si propone di affidare in concessione questi venti "gioielli" visti dal mare, che saranno così recuperati e sottratti al degrado grazie ad un progetto innovativo e sostenibile. 

Lo hanno annunciano il Direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi e l’Amministratore Delegato di Difesa Servizi S.p.A. Fausto Recchia, alla presenza del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini e del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, nel corso di una conferenza presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, introdotta da Donatella Bianchi, madrina del progetto, giornalista Rai/LineaBlu e Presidente del WWF Italia.

Si tratta, è stato spiegato, di asset di pregio distribuiti su tutto il territorio che “potranno rivivere come dimore uniche attraverso una rete nazionale dedicata al turismo sostenibile, alla natura, alla cultura e all’ambiente, in grado di generare valore economico e sociale”.

L’ELENCO COMPLETO DEI BENI - Il portafoglio è costituito da 10 fari in gestione a Difesa Servizi S.p.A.: il Faro di Capo Rizzuto a Isola di Capo Rizzuto (KR), il Faro della Guardia a Ponza (LT), il Faro di Torre Preposti a Vieste (FG), il Faro di Punta Polveraia a Marciana nell’Isola d’Elba (LI), il Faro Formiche nell’isolotto Formica Grande (GR), il Faro di Punta Libeccio nell’Isola di Marettimo (TP),  il Faro di Punta Spadillo a Pantelleria (TP), il Faro di Capo Mulini ad Acireale (CT), il Faro di Capo Milazzo a Milazzo (ME) e il Faro di Capo Faro a S. Maria di Salina - Isola di Salina (ME).  

A questi si aggiungono altri 10 beni, di varia tipologia, in gestione all’Agenzia del Demanio: in Campania, a Salerno, la Torre Angellara, in Sicilia il Padiglione Punta del Pero a Siracusa, lo Stand Florio a Palermo, il Faro di Capo Zafferano a Santa Flavia (PA), il Faro di Riposto a Riposto (CT). In Puglia, la Torre Castelluccia Bosco Caggioni a Pulsano (TA), il Convento S. Domenico Maggiore Monteoliveto e la Torre d’Ayala a Taranto. Salendo a nord,  infine, in Emilia Romagna, il Faro del Po di Goro a Goro (FE) e in Veneto il Faro Spignon sull’isola di Spignon a Venezia. (csg) (QUI IL LINK). 

"Costruito alla fine dell’ottocento, costituisce uno dei segnalamenti di maggior rilevanza del Mar Tirreno. Il complesso è costituito da una torre su base quadrata e da un edificio a pianta rettangolare disposto su due livelli destinato ad abitazioni dei guardiani. Al piano terra sono presenti anche alcuni fabbricati minori utilizzati come depositi di materiale": così si legge nella scheda del Faro della Guardia di Ponza di Valore Paese - Fari.

Il bando presentato ieri segue l’edizione del 2015 che ha visto l’aggiudicazione di 9 degli 11 fari messi in gara: 6 milioni di investimento, 20 milioni di ricaduta economica, un risvolto occupazionale di oltre 100 operatori, 340mila euro di canoni annui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponza, nuova vita per il Faro della Guardia: a settembre il bando di gara per l’affidamento

LatinaToday è in caricamento