Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Incidenti stradali

Incidenti: 2016 di sangue sulle strade pontine, 13 morti dall’inizio dell’anno

Un bollettino nero quello registrato sulle strade della provincia pontina dall'inizio di questo 2016; sono 13 le vittime di incidenti in meno di due mesi, sette delle quali sono giovani al di sotto dei 30 anni

Una scia di sangue inarrestabile sulle strade della provincia pontina. A parlare sono i numeri, tristi e drammatici, di questo inizio di anno: in meno di due mesi si contano 13 morti in seguito ad incidenti stradali, e più della metà delle vittime - 7 -  sono giovani al di sotto dei 30 anni.

Troppe le tragedie che sembrano rincorrersi senza tregua sulle strade pontine; troppe le vite spezzate, i sogni infranti e le famiglie distrutte dal dolore. Un bollettino nero quello delle strade di Latina che lascia dietro di sé sconcerto, sofferenza ma anche tanti punti interrogativi. Lo stato delle strade, ma molto spesso anche l’incoscienza e l’imprudenza di molti automobilisti che mettono a rischio la loro vita e quella degli altri molto spesso sono la causa degli incidenti.

IERI - Un bollettino nero reso ancora più tragico dopo la giornata di ieri, macchiata da due incidenti mortali. Il primo nella tarda mattinata sulla Pontina - che si conferma una delle strade più pericolose del Paese - in cui ha perso la vita Rocco D’Antona, 58enne di Aprilia centrato in pieno mentre con la sua auto usciva da una piazzola di sosta dove si era fermato per una telefonata. E secondo quanto emerso dai primi accertamenti, si sarebbe messo alla guida sotto l’effetto di oppiacei il 26enne che con la sua auto - in cui c’era anche il figlio di 5 mesi rimasto gravemente ferito - ha colpito quella di D’Antona.

Una tragedia che ha anticipato di poche ore quella avvenuto intorno alle 19 lungo l’Appia a Fondi in cui è deceduto il 38enne Alessandro De Luca che, rimasto senza benzina, stava facendo rifornimento nel serbatoio della sua Ape Car quando è stato colpito da una Mercedes.

DALL’INIZIO DELL’ANNO - Il 2016 si apre con l’incidente in via Reynolds a Cisterna in cui perde la vita Matteo Di Console di 25 anni uscito fuori strada con una Smart su cui si trovava insieme ad un amico rimasto ferito.

Passa meno di una settimana e nella notte tra il 16 e 17 gennaio un secondo incidente a Gaeta costa la vita a Nicola Fusco, 17enne di Itri che con il suo scooter si scontra con un’auto sul lungomare Caboto. Poco più di 24 ore dopo ad Aprilia, nella frazione di Campoverde, il 69enne Paolo Di Felice muore in un terribile fuori strada su via Virgilio con la sua auto che va ad impattare contro un albero.

E’ il 20 gennaio quando nel tardo pomeriggio sulla Formia-Cassino la 22enne Michela Minchella viene travolta e uccisa da un’auto poco dopo essere scesa da un pullman nella frazione di Penitro. Un incidente che susciterà molte polemiche con i cittadini che protestano per la troppa pericolosità delle strade i primi interventi del Comune per una maggiore sicurezza.

Il 28 gennaio sulla Ninfina, nei pressi di Valvisciolo, il 76enne di Sermoneta Umberto Albiretti rimane coinvolto in un incidente: la sua auto dopo essere andata fuori strada è finita in un fossato che costeggia la strada. Estratto dai vigili del fuoco dalla vettura è stato portato in ospedale dove è deceduto qualche ora dopo. Forse un malore la causa del sinistro. 

Febbraio si apre con il terribile incidente sulla superstrada Terracina-Prossedi a Sonnino in cui perde la vita la 21enne Eleonora Feudi che a bordo della sua Panda si scontra con la Nissan Quashqai guidata da un uomo rimasto ferito. Quattro giorni dopo, nella sera di sabato 6 febbraio, Farouk Ezzeddini di soli 23 anni rimane coinvolto in un incidente mentre è a bordo del suo ciclomotore su strada Acque Alte a borgo Podgora. Vani i soccorsi, per lui non c’è stato nulla da fare, è deceduto praticamente sul colpo.

Cinque giorni dopo a Latina in piazza Buozzi Dawid Jan Merkel, 27enne di origini polacche, mentre è a bordo della sua moto si scontra con una vettura nei pressi del tribunale: un impatto terribile che non lascia scampo al ragazzo.

Mercoledì scorso, il 17 febbraio, l’84enne Agostino Santoro viene investito e ucciso mentre era in sella alla sua bicicletta in via Lungobotte a Pontinia. Tragico il fine settimana appena trascorso, con due vittime in meno di 24 ore. Venerdì sera sulla Monti Lepini nei pressi di Piana delle Orme il 65enne di Sermoneta Enzo Mengoni perde la vita in seguito allo scontro fra due auto, mentre poco più di 12 ore dopo sulla Pontina a Terracina, Giuliano Pagliaroli di 28 anni è deceduto nello scontro con un furgone mentre era a bordo della sua moto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti: 2016 di sangue sulle strade pontine, 13 morti dall’inizio dell’anno

LatinaToday è in caricamento