rotate-mobile
Gli effetti del maltempo / Itri

Nubifragio e frana ad Itri, Comune: “Dichiarato lo stato di calamità naturale”

Il decreto del presidente della Regione. La notte del 3 e 4 novembre una straordinaria ondata di maltempo colpi l’intero paese mettendolo in ginocchio

E’ stato dichiarato lo stato di calamità naturale ad Itri dopo il violento nubifragio della notte tra il 3 e 4 novembre che ha causato la frana che ha messo in ginocchio il paese. A darne notizia l’Amministrazione comunale.

“Con Decreto del presidente della Regione Lazio è stato dichiarato lo stato di calamità naturale” viene spiegato attraverso una nota dal Comune che ricorda che proprio in previsione degli eventi meteo eccezionali, il 2 novembre era stata diramata l’allerta del sistema di protezione civile emessa dall’Agenzia regionale di Protezione civile relativa alle zone Bacini costieri sud e nella stessa data era per questo stato insediato il Centro Operativo Comunale (C.O.C.) da parte del sindaco Giovanni Agresti.

“Con l’occasione - prosegue la nota -, il presidente Nicola Zingaretti ha dato mandato a procedere a cura della Agenzia regionale di protezionale civile alla ricognizione delle spese sostenute dalla nostra Amministrazione in merito agli eventi calamitosi del 3 e 4 novembre, così da individuare le misure di sostegno finanziario alle Amministrazioni colpite dagli eventi di cui al presente provvedimento.

L’Ordinanza in questione - si legge ancora - viene trasmessa alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento di Protezione Civile per il riconoscimento dello ‘stato di emergenza’ in considerazione della intensità del fenomeno verificatosi e della rilevanza dei danni causati, che richiedono l’adozione di misure di natura straordinaria ed emergenziale per la gestione dell’emergenza idrica, la riparazione dei danni e per il sostegno alle popolazione e alle attività produttive”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nubifragio e frana ad Itri, Comune: “Dichiarato lo stato di calamità naturale”

LatinaToday è in caricamento