rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

“I Di Silvio associazione mafiosa”: la sentenza della Corte di Cassazione su ‘Alba Pontina’

I giudici hanno confermato definitivamente il mezzo secolo di condanne per il figli di Lallà che hanno scelto il rito abbreviato

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne per oltre mezzo secolo di carcere a carico degli imputati del processo ‘Alba Pontinache hanno scelto il rito abbreviato. I giudici hanno dunque condannato a 12 anni e mezzo di reclusione Gianluca Di Silvio, a 11 anni, 10 mesi e 10 giorni il fratello Samuele e a 10 anni e 8 mesi il fratello Ferdinando Pupetto, figli di Armando Lallà.

Per Gianfranco Mastracci confermata la condanna a  3 anni e 4 mesi, 4 anni e 20 giorni per Daniele Sicignano, 2 anni e 2 mesi per Valentina Travali, 2 anni e 4 mesi per Mohamed Jandoubi e Hacene Hassan Ounissi, e un anno e 4 mesi per Daniele Coppi. La Suprema Corte ha dichiarato inammissibili i ricorsi presentati da alcuni degli imputati rendendo così definitive le pene emesse dalla Corte di Appello di Roma. 

“L’associazione di cui hanno fatto parte i Di Silvio – avevano scritto nella sentenza i giudici della Corte d’Appello – deve definirsi mafiosa in quanto sono sussistenti tutti i requisiti ritenuti dalla giurisprudenza di legittimità essenziali“.

Per quanto riguarda gli altri esponenti del clan finiti nell’inchiesta che hanno scelto il rito ordinario, otto in tutto, sono stati condannati dal Tribunale di Latina a luglio scorso. Si tratta del capo famiglia Armando Lallà Di Silvio (24 anni e due mesi di reclusione), la moglie Sabina De Rosa (15 anni e tre mesi), Francesca De Rosa (3 anni e tre mesi), Genoveffa Di Silvio (5 anni e quattro mesi), Angela Di Silvio (6 anni e quattro mesi), Giulia Di Silvio (2 anni e sette mesi), Tiziano Cesari (3 anni e sette mesi) e Federico Arcieri (4 anni).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“I Di Silvio associazione mafiosa”: la sentenza della Corte di Cassazione su ‘Alba Pontina’

LatinaToday è in caricamento