rotate-mobile
Il provvedimento

Droga e reati contro il patrimonio: scatta una misura di sorveglianza speciale

Il provvedimento emesso dal tribunale di Roma eseguito dai carabinieri del Nucleo investigativo nel carcere di Viterbo

Scatta la misura della sorveglianza speciale per un 27enne pontino ritenuto pericoloso in quanto "soggetto che vive abitualmente con i proventi di attività delittuose e dedito alla commissione di reati che pongono in pericolo la sicurezza pubblica".

I carabinieri del Nucleo investigativo di Latina hanno notificato al carcere di Viterbo, dove il giovane è attualmente detenuto, il decreto emesso dalla sezione specializzata Misure di prevenzione del tribunale di Roma, su richiesta della procura di Latina.

L'attività di indagine ha consentito infatti di dimostrare come il 27enne, fin da quando era minorenne e quasi senza soluzione di continuità, sia stato una persona dedita a reati contro il patrimonio, in materia di stupefacenti e con un comportamento caratterizzato da una spiccata  aggressività fisica e verbale. In virtù del nuovo provvedimento al giovane si impone, per i prossimi tre anni, di non allontanarsi dal comune di residenza, di non uscire dalla sua abitazione nell'arco compreso tra le 21,30 e le 6,30, di cercare un lavoro e di non frequentare persone che abbiano subito condanne o che siano sottoposte a misure di prevenzione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga e reati contro il patrimonio: scatta una misura di sorveglianza speciale

LatinaToday è in caricamento