rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Il caso nel lazio

Minacce e intimidazioni dei no vax ai medici di base: scatta l'esposto in procura

I segretari della Fimmg denunciano la tensione crescente e le pressioni esercitate da chi non intende vaccinarsi per chiedere l'esenzione

Minacce, intimidazioni, telefonate e messaggi, incursioni negli studi e lettere di avvocati che promettono ripercussioni giudiziarie in caso di rifiuto. Una situazione esplosiva che sta creando tensioni negli studi dei medici ormai provati da due anni di pressione pandemica. Così dopo mesi di tensioni e pressioni crescenti, scatta l’esposto in procura da parte dei medici di famiglia contro le continue e sempre più aggressive richieste di esenzione dal vaccino anti Covid avanzate dai pazienti no vax.

I segretari della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (Fimmg) di Roma e del Lazio, Pier Luigi Bartoletti e Gianni Cirilli, hanno deciso di rivolgersi alla procura di Roma per protestare contro quella che definiscono “una marea montante di  coercizioni e intimidazioni da parte di pazienti no vax nei confronti dei medici di famiglia della regione”. Alla base dell’esposto ci spno i ripetuti episodi segnalati dai medici di famiglia, aumentati esponenzialmente da quando è entrato in vigore l’obbligo del super green pass: i cittadini no vax, spiegano i segretari dell Fimmg, chiedono ai medici di prescrivere il vaccino contro il Covid - procedura non prevista e impossibile - o di certificare l'esenzione chiamando in causa patologie che non rientrano nelle linee guida ministeriali, o ancora di assumersi la responsabilità diretta e personale di eventuali effetti avversi. Richieste insomma impossibili da attuare e totalmente fuori legge ma che vengono avanzate anche in modo intimidatorio, tramite mail, messaggi e telefonate continui e pressanti. In alcuni casi i medici hanno riportato di vere e proprie incursioni negli studi medici, degenerate in insulti e discussioni accese davanti ai pazienti in attesa, in altri casi qualcuno ha fatto intervenire anche gli avvocati minacciando denunce e querele se il medico non avesse acconsentito alle assurde richieste: 

“Il nostro esposto in procura - ha detto Bartoletti - denuncia una situazione che negli ultimi giorni è cresciuta a dismisura e non più accettabile. Occorre uno stop deciso e chiediamo un  l’intervento delle istituzioni, a tutela non solo dei medici,  molto provati in questo periodo, ma di quei cittadini che necessitano veramente di cure e che trovano medici distratti da tali atteggiamenti, e non parliamo solo dei medici di famiglia , ma di tutti i medici che operano  in strutture ambulatoriali ospedali e pronto soccorso”.

La federazione del Lazio ha sottolineato come nelle ultime settimane le segnalazioni da parte dei medici si siano moltiplicate arrivando da diverse regioni d’Italia, appelli di professionisti esasperati dal clima di estrema tensione in cui si trovano a lavorare ogni giorno: “Solo la serenità clinica dei medici potrà garantire un’adeguata protezione sanitaria per i pazienti”, ha detto l’avvocato Olindo Cazzolla, che ha curato per conto della Fimmg Lazio l’esposto in procura.

Minacce ai medici da parte dei no vax. la solidarietà del sindaco Coletta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce e intimidazioni dei no vax ai medici di base: scatta l'esposto in procura

LatinaToday è in caricamento