Cronaca

Maltempo, il monito: garantire la sicurezza del torrente Pontone

Con l'arrivo delle piogge si ripropone il problema del Pontone. Sindaci di Formia, Gaeta ed Itri a lavoro: nel 2012 il torrente ruppe gli argini e invase il quartiere Canzatora causando la morte di una donna e danni ingenti

L’ondata di maltempo che ha colpito l’intera provincia in questi giorni e la consapevolezza dell’arrivo della stagione delle piogge riportano alla luce il problema del Pontone e l’esigenza di prevenire altre tragedie come quella che si è consumata la notte di halloween dello scorso anno.

Un piano d’interventi per garantire la sicurezza del torrente Pontone: è questo, quindi, quello che hanno definito in questi giorni i sindaci di Formia, Itri e Gaeta. Come si ricorderà, la notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre 2012 il corso d’acqua ruppe gli argini e invase l’intero quartiere della Canzatora, ai confini tra Formia e Gaeta; il bilancio fu drammatico: un’anziana donna perse la vita e gli allagamenti produssero danni ingenti alle abitazioni.

Da allora, il torrente ha perso ogni funzionalità strutturale, essendo stati completamente distrutti interi tratti di argini, del letto e delle anse. Il pericolo è costante. Servono adeguati interventi e i tre Comuni interessati non intendono fermarsi alle richieste già inoltrate agli Enti competenti che finora sono rimaste lettera morta.

Perché, scrivono i sindaci Sandro Bartolomeo, Giuseppe De Santis e Cosmo Mitrano, “non si è a conoscenza di alcun procedimento finalizzato al ripristino funzionale del torrente”. E’ la stagione delle piogge è iniziata. Col documento ratificato, i tre primi cittadini concordano di “dare mandato all’Ufficio Tecnico del Comune di Itri di predisporre un progetto finalizzato al risanamento e adeguamento strutturale del corso d’acqua, dal territorio comunale di Itri fino alla foce, sita nel Comune di Formia”.

Il progetto sarà poi allegato ad “una richiesta di finanziamento da inoltrare al Ministero dell’Ambiente entro il prossimo 15 ottobre”. Richiesta che sarà poi rarificata dalle rispettive giunte comunali. Il documento firmato dai tre sindaci sarà trasmesso all’ente competente per il corso d’acqua, la Regione Lazio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, il monito: garantire la sicurezza del torrente Pontone

LatinaToday è in caricamento