Cronaca Aprilia

Uccise il figlio a colpi di fucile, condanna a sei anni confermata

Pietro Fraccoroli uccise il figlio Fabrizio al culmine dell'ennesima lite nell'agosto del 2012. La sentenza della I Corte d'Assise d'appello di Roma conferma quella di primo grado emessa nel giugno scorso

Confermata in Appello la condanna a 6 anni e 2 mesi e 20 giorni di reclusione per Pietro Fraccaroli, l’anziano di 72 anni che nella sera del 22 agosto uccise il figlio con due colpi di fucile. Un omicidio arrivato al culmine di una lite e figlio di una dramma familiare culminato in tragedia.

Questa mattina la I Corte d’Assise d’appello di Roma, presieduta da Mario Lucio D’Andria ha confermato così la sentenza del giugno scorso del giudice per le udienze preliminare Costantino De Robbio durante il processo che si svolse con il rito abbreviato.

LA SENTENZA DI PRIMO GRADO

L’OMICIDIO – La tragedia nella serata del 22 agosto 2012 nel giardino della villetta della famiglia Fraccaroli in via Perugia ad Aprilia. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, al culmine dell’ennesima lite, forse per motivi di soldi, il padre Pietro imbraccio il fucile ed esplose due colpi che ferirono a morte il figlio Fabrizio di 34 anni.

A lanciare l’allarme furuno i vicini di casa impauriti dalle urla prima e dagli spari poi; arrestato il 72enne ammise subito le sue responsabilità.

L’OMICIDIO DI FABRIZIO FRACCAROLI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise il figlio a colpi di fucile, condanna a sei anni confermata

LatinaToday è in caricamento