menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Processo per l’inquinamento alla Pozzi Ginori: “Ecco cosa abbiamo trovato nel sito”

In aula gli operatori raccontano l’esito del primo sopralluogo nell’area abbandonata a borgo Piave

Sfilano i primi testi nel processo per l’inquinamento dell’area ex Pozzi Ginori di Borgo Piave nel quale è imputato Giambattista Saleri, amministratore unico e legale rappresentante della Sviluppo Immobiliare Latina, la società che ha acquisito il sito dismesso. Per lui l’accusa è violazione delle norme ambientali e di inquinamento delle acque sotterranee, del suolo e del sottosuolo.

In aula davanti al giudica monocratico Assunta Fosso sono stati ascoltati alcuni degli operatori, di polizia e non, che hanno effettuato i sopralluoghi all’interno del sito dismesso dove vennero rinvenuti rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, tra cui elettrodomestici, materassi, suppellettili, terre di fonderia esauste e lastre di eternit. I testimoni hanno confermato la presenza di materiali di diverso genere.

Poi l’udienza è stata rinviata al 21 aprile prossimo. Nel procedimento si sono costituiti parte civile sia il Comune di Latina con l’avvocato Francesco Cavalcanti che la provincia rappresentata dall’avvocato Claudia Di Troia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento