Rifiuti, Rida Ambiente: “Il nostro impianto l’unico che sopperisce alle emergenze”

L’intervento del patron Fabio Altissimi: “Grazie a Rida Ambiente l’emergenza attorno ai rifiuti non si crea e anzi l’impianto garantisce un costo più basso di conferimento”. Due giorni fa la riapertura dell’impianto dopo l’ordinanza della Provincia di Latina

Torna a parlare il patron di Rida Ambiente, Fabio Altissimi, a due giorni dalla riapertura dell’impianto di Aprilia - in seguito all’ordinanza della Provincia di Latina - dopo la “crisi scoppiata il 14 giugno scorso a seguito della diffida della Regione Lazio” che ha portato poi l’azienda di Aprilia a bloccare i conferimenti dei rifiuti urbani indifferenziati.

“Mi pare che tutto concorra, e sarebbe bene capirne il motivo – spiega Altissimi– a ricreare un clima di emergenza legato al ciclo dei rifiuti all’interno della Regione. Un’emergenza evitata dal 2014 con l’ordinanza a firma di Zingaretti (la n. Z0001) ma che ha rischiato di rinvigorirsi con la crisi legata al tritovagliatore del Colari nel biennio 2015-2016, con l’incendio del giugno 2016 che ha colpito l’impianto Pontina Ambiente e per finire con l’incendio del 3 giugno scorso dell’impianto di Ecologia Viterbo. 

Incidenti che hanno portato a un impennata del costo di sversamento dei rifiuti, circa 50-60 euro di aumento per ogni tonnellata conferita, che solo Rida, l’unico impianto rimasto sul territorio, è in grado di abbattere. L’impianto della Rida rappresenta evidentemente un problema per chi vorrebbe lucrare più che fare impresa”.

Una situazione grave che avrebbe fatto scoppiare l’emergenza se Rida non avesse sopperito a tale mancanze prendendosi in carico i rifiuti di Colleferro di Lazio Ambiente prima e quelli di Pontinia Ambiente poi. Rifiuti a cui ha fatto seguito una parte di quelli che prima venivano conferiti a Viterbo con la mia azienda che, nel frattempo, ha sostenuto anche Ama permettendo lo scorso anno il conferimento di 150 mila tonnellate, arrivate già a 60-70 mila tonnellate per questo 2017. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma i dati parlano chiaro: grazie a Rida Ambiente l’emergenza attorno ai rifiuti non si crea e anzi l’impianto garantisce un costo più basso di conferimento. Giova infine ricordare che Rida produce il 60% -70%  di Css (combustibile solido secondario) ossia la parte nobile dei rifiuti da avviare a termovalorizzazione, un dato ben più superiore di quanto prodotto finora dagli altri impianti. A questo punto sarebbe doveroso accertare se qualcuno abbia interesse a fermare Rida, così da tornare in una condizione di emergenza senza la quale  i prezzi non salgono”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni amministrative 2020, i risultati: è ballottaggio a Fondi e Terracina

  • Elezioni a Fondi 2020: è ballottaggio tra Maschietto e Parisella

  • Elezioni a Terracina 2020: è ballottaggio tra Roberta Tintari e Valentino Giuliani

  • Coronavirus, 195 casi nel Lazio e tre morti. In provincia dati in flessione dopo il picco

  • Coronavirus: ancora 230 casi positivi nel Lazio e 22 nuovi contagi in provincia

  • Coronavirus: 10mila tamponi e altri 230 casi nel Lazio. In provincia 15 contagiati in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento