rotate-mobile
Cronaca Terracina

Terracina, ha dato fuoco all’amico: ammette tutto e il giudice lo lascia in carcere

Florian Tirsu è stato interrogato dal gip. Ha raccontato della lite e ha detto che non voleva fargli male

Resta in carcere Florian Tirsu, il romeno accusato di tentato omicidio per avere dato fuoco a un amico all’interno dell’alloggio che condividevano a Terracina. Lo straniero è stato interrogato ieri dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Giorgia Castriota ed ha risposto alle domande ammettendo le proprie responsabilità.

Al magistrato ha raccontato che dopo una serata trascorsa insieme e dopo avere bevuto era scoppiata una lite poi degenerata tanto che Tirsu ha gettato addosso all’amico il contenuto di una bottiglia di alcol utilizzato per scaldarsi e gli ha dato fuoco. Ha aggiunto che non intendeva farlo ma che ha compiuto un gesto istintivo. La vittima, attualmente ricoverata in ospedale con ustioni di secondo grado sul 20% del corpo, si è salvato soltanto perché una terza persona è intervenuta e ha spento le fiamme. A conclusione dell’interrogatorio il gip ha convalidato l’arresto e confermato la detenzione in carcere.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terracina, ha dato fuoco all’amico: ammette tutto e il giudice lo lascia in carcere

LatinaToday è in caricamento